Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!

ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!

(un saggio di Tommaso Lisa per continuare il dibattito)

Articolo postato lunedì 5 febbraio 2007
da Luigi Nacci

Nemmeno una settimana fa Nevio Gambula ha inaugurato in AP la discussione intorno a Maria di Aldo Nove.

Visto il clamore, il numero di interventi e di posizioni dissonanti, con piacere posto un poderoso e impegnativo saggio dell’amico Tommaso Lisa, scritto in occasione di Fuoco su Babibonia! e pubblicato nel 2003 su "Trame di letteratura comparata" n. 7.

E lancio una bottiglia impossibile nell’oceano della rete: ANTONELLO, SEI CI SEI, BATTI UN COLPO: la pazza (non)redazione di Absolute Poetry ti aspetta!

50 commenti a questo articolo

ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-07 19:21:36|di porcaloca

S.P.A. DEUS&C.
comunicato ufficiale

In data odierna si comunica che la spa Deus&C. per voce dell’Avvocato Agnelli ha deciso di togliere l’uso nonche’ l’abuso di tutte si ribadisce tutte le immagini gli scritti le visioni i simboli e i denari di proprieta’ esclusiva della Deus&C. Si Vieta pertanto a chiunque papa sacerdote scrittore poeta artista in generale anche solo di nominare siffatte cose protette da copyright universale che da questo momento ritorna in tutto e per tutto ,percio’ sopratutto nell’uso, di esclusiva licenza della Deus&C.
I trasgressori saranno liberi!!!


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-07 19:03:49|di STEFANOVIRGILIOENEA

ribadisco non c’e’ civilta’ con dio ma solo miseria costrizione e uso psicotico del potere. IN NOME E PER CONTO DI DIO PIU’ CHE CON OGNI ALTRO SIMBOLO O PERSONA SI E’: ucciso sfruttato emarginato affossato castrato menato ribaltato torturato seviziato bruciato accoltellato stuprato ammazzato deviato annaspato travisato avvelenato odiato divaricato inversato spelluzzicato sragionato inveito assecondato razziato affossato sverginato masturbato incenerito azzoppato vomitato invischiato rubato diseducato arrovellato ingannato imbestialito abbarbicato scervellato impazzito srotolato impiccato abbrustolito degenerato insipidito paralizzato condannato temuto terrorizzato psicanalizzato ipnotizzato
mentito camuffato esalato travisato marcito esautorato zoppicato strisciato manganellato minacciato scomunicato fulminato stordito deviato angosciato rattristito stonato stangato scontrato snaturalizzato fumato debosciato sbagliato ritardato ostacolato abusato
s/civilizzato arcaicizzato medievalizzato frenato massacrato circonciso demonizzato imbarbarito arricchito svenato urlato pianto crepato suicidato rapinato assolutizzato gambizzato esorcizzato stigmatizzato eiaculato sodomizzato
manovrato ipotizzato insinuato esaltato santificato segnato bandito benedetto barcamenato tolomeizzato crocifisso affamato assetato scorticato graffiato seppellito diseppellito cucinato ubriacato inseminato arrestato sbancato visionato allucinato immaritato meritato pitturato scritto postpoetato
schiaffeggiato scorticato isolato giudicato defecato traumatizzato mortalato senza im..................................ORA BASTA PER FAVORE.


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-07 18:47:02|di nevious

“Neosovietico” mi piace, anche perché considero i soviet, almeno sino al 1926, lo strumento democratico più avanzato mai inventato dall’umanità.

Per il resto, confermo parola per parola quanto da me scritto in precedenza. Anche perché se dio, anziché essere dio-dio, è Maria-dio, a me, francamente, non potrebbe fregarmene di meno: sempre dio è. E per me, in coerenza col mio dogma sovietico, dio non esiste, punto-e-basta, quindi tutti i discorsi che lo riguardano (senza negarlo) sono delle fregnacce anti-scientifiche.

Trovo poi strana, e invero anche molto confusa, la presa di distanza dal vaticano e il contemporaneo plauso al dogma dell’immacolata concezione. Non mi pare che il vaticano abbia intenzione di abolirlo, tutt’altro. Mi pare invece che molti teologi “di sinistra” lo contestino apertamente. Se poi per Nove introdurre l’Altro-donna in una (sovra)struttura che è in tutta evidenza una invenzione illusoria è un “bene”, ne prendo atto; continuo a pensarla in modo radicalmente diverso. Sottolineo solo che questo dogma, come scrive qui don Franco Barbero (!), è “una congettura fantastica e uno sviluppo dottrinale che, privo di fondamento biblico, ha permesso di usare Maria in chiave antifemminista e sessuofobica” (più o meno le stesse cose dice la teologa Adriana Zarri). Un dogma un po’ dubbio, dunque, e direi di portata nient’affatto rivoluzionaria …

Tra l’altro, a voler essere pignoli, dal testo di Nove, come ho avuto modo di scrivere, ho sottolineato l’importanza del dogma della divina maternità (madre di dio, concepita non da seme, ma dal soffio divino), e non tanto di quello della immacolata concezione (immune dal peccato fin dal concepimento). Sono dogmi diversi. Entrambi, comunque, non possono che indurre un non-credente (se dio non esiste, la divina maternità è una menzogna) allo scetticismo rispetto a tutto l’impianto “ideologico” del poema.

Il sottoscritto ha dedotto “l’ideologia di fondo” della “Maria” dal testo e non è solito fare “gossip” (pratica a me del tutto estranea). Ogni testo, anche quando non lo sa o lo nega, contiene in sé un pensiero (una presa di posizione) sul mondo e sul contesto culturale, quello di Nove compreso. Se ho affermato che il poema è “ideologico”, l’ho fatto proprio perché l’insieme delle sue “forme” e dei suoi “contenuti” mi appaiono in tutta evidenza una regressione (un andare all’indietro della poesia e della ragione, per essere precisi). Le risposte di Nove confermano questa lettura.

C’è poi da sottolineare l’aspetto indicato da Lisa nel suo interessante saggio, che mi sembra individuare una tendenza di Nove a risolvere la contraddizione “elegia vs allegoria” parteggiando decisamente per la prima. Per cui, certo, “niente di scandaloso” in questa Maria rispetto al suo percorso precedente (e difatti nessuno, tolti Cortellessa e Piccini, ha parlato di scandalo; e l’articolo di Avvenire parla espressamente di “continuità”); solo un radicalizzarsi di quella virata verso un certo sentimentalismo, in questo caso addirittura “sacro”.

n.g.


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-07 18:19:25|di lorenzo

ma nella foto è nacci o è nove?

lorenzo


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-07 15:50:51|di aldo nove

Insomma, se qualcuno ha voglia di studiare teologia, verrà a scoprire che "L’immacolata concezione" è la nascita senza "peccato" di Maria. Dunque la verginità a cui ci si riferisce è quella di Anna, non di Maria. La conseguenza estrema, accennata nel Vaticano II (conclusosi sotto Paolo VI) ma culminata nelle parole di Giovanni Paolo I, è che Maria di Nazareth è DIO. E’ ovvio che un dogma tale apra una quantità spaventosa di fratture e contorsioni attorno a un pensiero che è assolutamente rivoluzionario. Se consideriamo la teologia e i suoi testi (i cosiddetti "testi sacri") come grandi libri epici di una civiltà (la proposta, laica e lucidissima, è di Franco Buffoni) abbiamo una rigenerazione in chiave femminile del cristianesimo, e una sua riapertura alla pluralità delle culture che la fallocrazia delle religioni monoteiste (compresa quella del preconciliare Ratzinger)ha da sempre escluso. Chi avese voglia di approfondire, potrebbe partire proprio da Boff: "Ave Maria, il femminile e lo spirito santo", Cittadella editrice. Un testo poi che affronta l’immane complessità della figura della donna (di quella Donna) nell’immaginario di due millenni è invece il "Trattato di storia della mariologia" di S. De Fiores, Edizioni San Paolo: 600 pagine densissime di analisi del pensiero mariano dai padri della chiesa ad oggi suddiviso per correnti di pensiero, non escluse quelle che trovano la genesi del culto di Maria in quello della Grande Madre.

Per Luigi, sì, credo di essere stato capito, e ti ringrazio: mi piaceva l’idea dell’angelo che si annuncia (è una tautologia, vabbè) inferiore alla creatura a cui si propone, e il reciproco stupore (già presente nel Rilke da noi tradotto da Pintor, di cui il mio canto è quasi un’"imitatio"). Mi piace lo stupore di un dio (sto scrivendo con gli strumenti ideologici di Buffoni) perso (innamorato) di una ragazza e che da innamorato riconosce che lei è di più. Di più in che senso? Che c’entri Courbet, il suo quadro che bellamente, nel 1866, "svela/rivela"?
Smetto qua.
Interrompo e non chiudo. Chiudere non si può. Il discorso religioso non può chiudersi che nel dogma: che sia quello neosovietico di Nevio Gambula o quello ateo e clericale di Ratzinger poco importa.
Comunque a me non appartiene.


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-07 13:46:12|di Luigi

per Aldo:

grazie di aver accolto l’appello!

Le cose che scrivi a proposito del tuo incontro con la tomba della nonna, in qualche modo credo confermino quanto avevo scritto io:

"C’è poi l’amore, declinato nella solita postura di Nove: la passione angelicata. L’Io scorporato, come dice bene Senardi, sembra in grado di eludere quel circolo vizioso corpo-efficienza-prestazione che occupa lo spazio della vita-per-il-consumo (cfr. nei romanzi: fallimento sessuale del primo incontro con Francis; il contatto tra gli amanti grazie a uno smartie; etc.). Nove in un’intervista (una sola?) sottolinea l’importanza del momento primitivo dell’incontro tra due persone, la verginità della scoperta. In quest’ottica andrebbe secondo me letto l’incontro con Maria. La verginità non appartiene alla (Ma)donna ma all’incontro, e la forma popolare del canto non fa altro che celebrarlo.

Insomma… credo che Maria sia una naturale prosecuzione della sua opera, niente di scandaloso quindi, lo scandalo è, semmai, come ha detto Cortellessa, nell’amore (MIO) infinito, dal momento che scandere è cadere, e nell’amore infinito non si può che cadere…"

Che ne pensi?


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-06 21:08:20|di ado

approfondisco approfondisco


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-06 18:19:24|di Christian

"Leonardo Boff e del suo "Volto femminile di Dio", testo base della "teologia della liberazione" scomunicata da Ratzinger" dici questo Aldo sul post di Nevio. Potresti approfondire l’argomento? grazie, C


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-06 16:31:57|di Aldo Nove

Toc toc!
Ne ho battuti due.


ALDO 9: SE CI SEI BATTI UN COLPO!
2007-02-06 14:03:50|

Aspettate almeno che finisca il rosario...

A.L.


Commenti precedenti:
< 1 | 2 | 3 | 4 | 5

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)