Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti

ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti

(i migliori sono tutti femmine)

Articolo postato mercoledì 2 gennaio 2008
da Luigi Nacci

Propongo un’intervista pubblicata sul numero 87 del web-magazine "Fucine Mute".

***


Luigi Nacci (LN): Aldo Nove, a Trieste per la presentazione del libro di Fulvio Senardi, intitolato appunto Aldo Nove (Firenze, Cadmo Editore, 2005). Ti farò alcune domande prendendo spunto da un intervento che tu hai fatto alla scuola Holden sei anni fa, che si intitolava La poesia dopo la fine della poesia. Tradizione letteraria e happening, Baci Perugina e Rap; a un certo punto del tuo intervento parli di quelli che sono stati i rapporti fra i giovani poeti - anche della neoavanguardia - che stavano arrivando, e i poeti affermati, e dici che quando Sanguineti ha scritto Laborintus e lo ha fatto leggere a Cesare Pavese, quest’ultimo gli ha detto che i testi della raccolta erano più adatti alla Settimana Enigmistica…

Aldo Nove (AN): C’era stata una corrispondenza, ma allora era poco usata questa espressione un po’ cattiva.

LN: La stessa cosa gli accadde con Zanzotto... c’è qualche poeta noto di cui si possa fare il nome che ti ha trattato agli esordi come Pavese o Zanzotto hanno trattato Sanguineti? Mi fai un nome di poeta o scrittore che secondo te è un buon talent-scout?

AN: Sono stato abbastanza privilegiato. Mi hanno trattato tutti bene o forse mi sono rivolto alle persone giuste. Un buon talent-scout è Nanni Balestrini.

LN: In questo intervento parli di quello che è il fenomeno della poesia orale, della performance, dell’oralità della poesia, parlando di quelli che sono gli esempi in altri paesi, in Inghilterra o in Giappone; parli anche di quelli che oramai sono gli spazi editoriali in Italia, fondati su piccole mafie abbastanza comiche, e affermi che avviene un cambio a un certo punto: l’iper-tecnologizzazione della poesia e delle sue forme porta a una iper-diffusione della poesia, anche attraverso i mezzi di internet o altre nuove case editrici che spuntano fuori dal nulla, e quindi si ritorna paradossalmente a un clima elitario com’è stato prima dei mezzi di diffusione di massa. Mafia, ricambi di favore, le segnalazioni personali, il cortocircuito del sistema di riviste/editori (vedi internet, vedi la proliferazione delle case editrici, dei festival, dei premi, etc.): all’estero che tu ne sappia il panorama è “desolante” come in Italia oppure no?

AN: Sicuramente in Inghilterra e in Giappone la poesia è un fenomeno di massa ma proprio perché è capace di proporsi sempre accostata ad altro e con altro, con la musica, con la fotografia. C’è un saggio molto bello di Gombrowicz, Contro la poesia, uscito in Italia con l’introduzione di Sanguineti, in cui si sostiene che la poesia è come lo zucchero: se ne metti un cucchiaino nel caffè è ottimo, ma se ti mangi delle cucchiaiate di zucchero fa schifo. Questo stride con una certa cultura neo-crociana italiana, annacquata da Cucchi, da questi personaggi assurdi, da questa cosa di presunta purezza che fa proprio male alla poesia, che diventa anche un auto-isolamento. È squallido...

LN: Poco tempo fa sei stato in Giappone, un paese che in qualche maniera mi sembra ti piaccia. Hai detto che in Giappone i giovani poeti sembrano delle star, o vengono trattati come tali, e che c’è un grosso mercato della poesia contemporanea. Quante copie hai venduto di Fuoco su Babilonia (Crocetti, 2003), e quante di Covers (Einaudi 2001), il libro che hai curato e scritto con Montanari e Scarpa? Facendo un gioco: se l’Italia fosse il Giappone, chi tra i nostri poeti potrebbe essere una star? Potrebbe anche essere una domanda comica…

AN: Non ho idea di quanto abbia venduto Fuoco su babilonia ma penso non lo sappia nemmeno Crocetti, che è un po’ disordinato, diciamo; e Covers, che abbiamo scritto insieme, ha venduto 6.000-7.000 copie, tanto per la poesia. È stato un libro un po’ di culto. Chi potrebbe essere una star oggi? Mah, dei poeti che hanno una forte connotazione performativa: Lello Voce, Rosaria Lo Russo, Stefano Raspini, Sara Ventroni, Mariangela Gualtieri.

LN: Abbiamo parlato di Luca Sossella, e degli editori che puntano non solo sul cartaceo ma anche sul supporto multimediale, sul CD, come Zona ad esempio. Perché sono così pochi gli editori che puntano su questo? Secondo te c’è una possibilità di sperare in questa forma o dobbiamo restare alla carta dura e pura, per cui chi sperimenta in un’altra maniera non ha possibilità di vedere edita, incisa, montata la sua opera?

AN: Come quando uno cerca lavoro - il primo lavoro - e ti chiedono l’esperienza: “cercasi apprendista con esperienza”. Credo che ci sia molta pigrizia da parte dell’editoria, quindi viene promosso ciò che già ha avuto successo: in questo senso la grande editoria non scommette sulla poesia. La collana In versi è stato un paradosso editoriale perché per i numeri della poesia è stata un successo. A parte I Canti Orfici di Campana letti da Carmelo Bene che hanno venduto più di 20.000 copie, per tutti gli altri autori contemporanei, libro + CD, le vendite erano sulle 5.000 copie, mediamente più di quanto vendano “Lo Specchio” e la “Bianca” Einaudi; però, rispetto ai numeri della narrativa, erano degli insuccessi. Attualmente non c’è nessun grosso editore disposto o comunque in grado di investire su una cosa nuova, a meno che questa cosa non abbia successo indirettamente, che ci arrivi per altre vie (ad esempio attraverso la televisione).

LN: Credo che l’ultima importante esperienza di gruppo in Italia sia stata quella del Gruppo 93. Concordi?

AN: La cosa è stata inventata da Barilli: c’era un’idea (te la racconterebbe sicuramente meglio Lello Voce o chi l’ha vissuta in prima persona), quella di costituire un gruppo che poi si sarebbe sciolto nel ’93, ma tutta la polemica che è sorta intorno è stata la conseguenza di una strumentalizzazione innanzitutto da parte di chi ancora volendo colpire il Gruppo 63 ne colpiva i presunti epigoni, arrivando al delirio di una specie di tradizione anti-Gruppo 93 che può avere come espressione massima le scemenze di Nicola Gardini [lapsus? Molto probabilmente Aldo Nove si riferiva qui non a Gardini, bensì a Daniele Piccini, curatore di La poesia italiana dal 1960 a oggi, Milano, BUR, 2005]: nella sua antologia della poesia degli ultimi trent’anni – quella che chiude con Davide Rondoni – liquida questi presunti epigoni del Gruppo 63, mettendo insieme Frasca, Voce, Ottonieri, gente che ha fatto una ricerca assolutamente varia, personale. Credo che il Gruppo 93 sia stata un’etichetta negativa, strumentale a beghe interne di mafiette italiane, di sclerotizzazione di conflitti che non hanno più senso. C’è molta provincialità e anche molta ignoranza, campanilismo...

LN: Vorrei sapere se stai scrivendo qualcosa o qual è il tuo progetto poetico nei prossimi anni, nel prossimo futuro; e se tra i giovani poeti che vedi in giro per l’Italia, ce ne sono alcuni che ti piacciono, che segui, che spingi e in cui credi.

AN: Che spingo giù verso il baratro per affossarli... Mah, i giovani sono quasi tutti femmine, la poesia emergente di questi anni è tutta fatta di donne: Giovanna Marmo, Florinda Fusco, Sara Ventroni, Mariangela Gualtieri, Francesca Genti, la Carnaroli che è molto brava... sarebbe proprio interessante ritornare criticamente sulla connotazione tutta femminile della poesia italiana contemporanea. Non ci sono giovani poeti... non ho nessun progetto organico, scrivo poesie così, poi le raccoglierò da qualche parte. In realtà ce ne sono parecchi di progetti ma nessuno chiaro. Milo De Angelis non è stato e non è un grande talent-scout nel senso che ci sono poeti facilmente imitabili e altri no. De Angelis ha una cifra che si presta immediatamente all’imitazione. Anch’io penso che all’inizio, suggestionato da lui, abbia scritto alla de Angelis... “Niebo” è Milo De Angelis: non è venuto fuori nessun altro da lì, se non lui... di Raboni trovo più interessante il lavoro della sua compagna, la Valduga, neometrica...

LN: Tu sei lombardo. Cucchi, un tuo compatriota regionale, ha dichiarato poco tempo fa che tutti i migliori poeti sono a Milano, soprattutto quelli giovani. Secondo te scherzava?

AN: Cucchi è uno scorreggione, cioè fa delle puzze assurde, scorreggia. Lui non lo fa apposta, gli escono fuori... fa le puzzette, è una cosa umana... capita...


(l’intervista è stata realizzata nel febbraio 2006)

26 commenti a questo articolo

ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti
2008-01-02 13:45:19|

ah, credevo Sant Ignazio di Moviola

(vedi lista redatta da Umberto Eco pubblicata sul numero ottobre 2007 di Corto Circuito, Joker)

carino però.

erminia


ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti
2008-01-02 12:56:22|

aldo 9, e chi sennò? (in foto)


ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti
2008-01-02 12:41:35|di erm

Ma chi è il signore nella foto se è dato chiedere?


ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti
2008-01-02 10:55:34|

grande aldo!!! beh! la poesia e’ al femminile perche’ ovviamiamente mi considero una femmina e come tutte le femmine odio l’mposizione maschilie della pura poesia del cazzo. Credo che ragazzi come gli spara, me, socci e suoa maesta’lello voce non sfigurerebbero ne’ a londra ne’ a tokio, purtroppo questo e’ il paese piu’ arretreto e piagnone del globo. la poesia comunque e’ volatile come certa borsa, assolutamente stanziale e temporale, assurdo riproporre L’ALIGHIERI 800 ANNI DOPO di eterno c’e’ solo il crac, inteso come rottura


ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti
2008-01-02 01:52:17|di lorenzo

ho una curiosità davvero piuttosto candida, che nove potrebbe soddisfare, dicendomi la sua opinione: dove sarebbe oggi, nella percezione dei poeti e del pubblico, il nove poeta se non fosse esistito il nove autore di racconti?

lorenzo


ALDO NOVE: non ci sono giovani poeti
2008-01-02 01:33:52|di Martino

Beh, di Niebo c’è da dire che, da quanto mi risulta, almeno Mussapi e Fermini sono usciti da lì; e anche Pontiggia. E che anche Antonio Porta, pur non essendo membro della redazione, per un certo periodo ne fu attratto e partecipò alle riunioni in cui venivano ideati i numeri della rivista. Ridimensionare "Niebo" a tal punto mi sembra discutibile. Sulla scorta del mio piccolo ventaglio di conoscenze, mi appare un’affermazione viziata dello stesso tipo di campanilismo lamentato da Nove per altri casi.


Commenti precedenti:
< 1 | 2 | 3

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)