Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Antonio Koch- Entri rapidamente

Antonio Koch- Entri rapidamente

e tre poesie

Articolo postato venerdì 3 agosto 2007

Entri rapidamente senza starmi
ad ascoltare rapida come una notte,
io che ancora non lo so rimango lì
nel futuro a parlare a vanvera: a parlare.
Mi si rimanda a immagini di frecce
panorami di cui dico "che bel panorama"
guardando all’indietro e tu paradossale
essenza stessa della matematica:
"no, è il settimo." Il quadro o la foto,
intendi, ma m’hai già trapassato
come l’ora di cena. Lo capivo
che quando si guarda si dimentica
davanti a un piatto.
Brindo da solo e in un lampo
in un attimo avvicinandomi
a non si sa cosa a te così sensato
prolungo la mano verso l’impossibile.
"E’ come stare al telefono"
mormori allora senza previsioni,
e scoppi a ridere.

(Di Antonio Koch sappiamo poco. Utilizza pochissimo internet. Si interessa di cinema. Fa delle cose a teatro. Conosce Venerandi e ci scrive. Ha tra i venti e i trenta (trentuno). E’ irresistibile. Lo "trovate" qui. E qui, .)

Tre poesie

Inizio. Prima poesia

Le labbra, m’hai detto, ed è stata la prima, la terza, la cosa, il punto, il che di cui si parlava, il tuo, l’ultimo, il contratto, la sesta; sono stati i numeri, gli oggetti, i bicchieri, i rossi e i gialli, è stato il finale, il mezzo, il principio, la fine, o il; l’olio, è stato, è stata la punteggiatura, la punta, i punti, i cerchi, i buchi, i fogli di giornale, gli avanzi, i giorni, l’uno, il più e il meno, sono stati, loro, sono stati loro, ecco quello che ti dico, ecco cos’è stato, ecco cos’è, ecco, eccoci, dammi, prendi, vai, vieni, sì, sono state le piastrelle ed è stato il salto, il tuffo, il bruco, il brutto, il bello, il buono, il resto, ieri, è stato ieri, è stato, come si dice, molto bello e non te lo chiedo perché, ecco il perché che è stato, è stato il perché, il perché dello stato, come sto, come stai, come sei, dove vai senza di chi, senza il chiacchiericcio, il mormorìo, il sussurro, il bisbiglio, il borbottìo, le guance e chi scava niente per chi non trova né ma né forse, eccolo il forse che è stato, quello è, quello che è stato; e bastava che fosse solo un po’ più in alto.

Seconda poesia

“Infimo sozzo bastardo” m’hai detto tu e m’hai spiegato cosa vuol dire “inesauribile”: niente (riferito alla fonte di pezzi brandelli spigoli di altri perimetri che ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e ripeto e) rido ridi ridiamo. così uso il resto inteso come quello che manca al mangiare vale a dire il cibo vale a dire la furia ossia il blu, il colore blu del tutto dove si ritorna ma tu scompari e riappari come i piccioni, il davanzale, il cornicione; piccioni non ce n’è uno uguale all’altro o a noi assieme; noi chi, poi, anzi soprattutto. dici invece i nomi delle città, degli stranieri, i vocaboli, i lemmi, il QI, le voci, le gradazioni, e mi usi come una posata, “forchetta” dico io per semplicità e tu: “mestolo” e infine cucini tagli affetti prepari svesti e fai i contrari in tre atti: chiudi apri e riapri e viceversa piangi dal sotto in su, dopo, e quali sono le guance e quali gli occhi sempre che ti interessi (perché “tu sei” dici, e non t’accorgi della bocca che ti resta aperta).

Terza poesia. Fine

Che avvenga, dico io, che avvenga quel che ha da avvenire, il fischio, che vengano quelli che fischiano, che fischino, il fischio dell’avvenire, che suonino, che si sentano, che si facciano sentire almeno in quattro, alti e bassi e pari e dispari, che si senta il rumore e che ci si liberi, ma anche no, insomma vedi tu, sono paurosamente cosa, niente, non ho attributi o attributi visibili salvo forse ma questo non t’interessa. t’interessano invece lo so, i buchi; io li tappo e ne faccio di nuovi; detti anche fori, cavità, tane, cerchi neri, come in: “dio mio, i cerchi neri!” e ci scivolano le cose dentro nei buchi o saltano fuori dai buchi o aggirano i buchi o arrivano sul fondo del buco o rivestono l’interno del buco o riempiono il buco o cadono nel buco, tutti i buchi sono neri come tutte le cose che ci finiscono dentro, i buchi alcuni li paragonano a occhi altri a cose nel cervello tutti prima o poi sono entrati in un buco o usciti da, o ci restano e fanno i solitari, perché poi alla fine vedi anche al buio.

5 commenti a questo articolo

Antonio Koch- Entri rapidamente
2007-08-07 16:32:09|di molesini

Ciao Giacomo, allora.

Poesia "sottile" fa un po’ il verso all’attenzione sottile che troviamo spesso in persone affette da malattie mentali. Una sensibilità spropositata accoppiata all’intelligenza della decodifica interpretativa. Qualcosa appena prima del delirio.

Koch, che credo sanissimo, quando scrive (e questo fanno anche, che io sappia, Mazzetti, Galli, lo stesso Toccafondi, Hofer, Quasino, Ghezzi, Dolci, Biagini, to’, Pagliarani per parlar di qualcuno che si conosce) attinge a momenti apparentemente privi di pathos e di valori ideali ufficialmente condivisi e li fa diventare sottile intreccio, altra struttura cognitiva.

Il mondo diventa così diversamente reale e rende conto di movimenti più intimamente connessi ad una sorta di microcosmo personale collettivo.

In grasso abbiamo "L’amore", in sottile " Brindo da solo e in un lampo/
in un attimo avvicinandomi/
a non si sa cosa a te così sensato/
prolungo la mano verso l’impossibile."


Antonio Koch- Entri rapidamente
2007-08-07 16:04:51|di giacomo

con me


Antonio Koch- Entri rapidamente
2007-08-07 15:38:08|

con chi parlo? (chiedevo ieri)


http://silviamolesini.splinder.com

Antonio Koch- Entri rapidamente
2007-08-06 12:55:57|

cosa vuol dire "poesia sottile" ?


Antonio Koch- Entri rapidamente
2007-08-06 02:22:18|

Ecco. Se dovessi fare una recensione ragionata parlerei di "poesia sottile".


http://silviamolesini.splinder.com

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)