Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Frammento A1

Frammento A1

sound poem

Articolo postato domenica 11 settembre 2005

Un sound poem per saggiare lo spazio acustico.

MP3 - 1.1 Mb
Frammento A1
IMG/mp3/Fontana-Frammento-A1.mp3

14 commenti a questo articolo

> Frammento A1
2007-01-10 21:23:40|di Luigi Nacci

Piccolo esperimento di post ANACRONISTICO: riascoltarsi il suond-poem di Fontana è troppo bello... Fontana, torni tra noi, nel blog!


> Frammento A1
2005-10-19 01:56:01|di Ad. Pad.

Acquistato a suo tempo il mio verbivocovisual giace in qualche scatolone post-trasloco. Ma lo ricordo bene. Fu la prima volta che ascoltai l’imperdibile "retro" di C.Costa.


> Frammento A1
2005-10-18 01:12:16|di Giovanni Fontana

Forse sarà di qualche utilità consultare il n° 25 de "il verri" (maggio 2004)che assegna ampio spazio a Spatola, Niccolai e Costa e che contiene un CD da me curato sicuramente utile a coloro che volessero avere informazioni "sonore" sulla produzione degli ultimi quarant’anni.

il verri, n° 25
VERBIVOCOVISUAL

Antologia di poesia sonora 1964-2004 a cura di Giovanni Fontana

Titoli:

01. Amanda Stewart, Sound and sense, 1991

02. Bernard Heidsieck, Canal Street 26, 1976

03. Jaap Blonk, Barred - Phonetic labyrinth n° 1, 2004

04. Arrigo Lora Totino, dai Fonemi, E è, 1966

05. Julien Blaine, Claustrophobie (con B. Philips, Maki e M. Werchowski), 1986

06. Isabeella Beumer, At the far end a window, 2000

07. Adriano Spatola, Ocarine, 1979

08. Jean-Jacques Lebel, Maizum goin [da Artaud], con Yochko Seffer (sax), 1996

09. Henri Chopin, Les accidents de la glotte en mai 2004, 2004

10. Flatus Vocis Trio (L. Barber, B. Ferrando, F. Miranda), Manifiesto (frammento), 1989

11. Pierre Garnier, Spatial, 1964

12. Fatima Miranda, RePercusiones I: Esto es de que no tiene nombre, s.d.

13. Agostino Contò, Strofe, 2004

14. Katalin Ladik, Ufo-Nopoetica, 1976/93

15. Giulia Niccolai, Maria Theresopiel, 1978

16. Ide Hintze, ’Humpadum. Dialogue with Siemeister, 1982/99

17. John Giorno, Berlin & Chernobyl, 1995

18. Milli Graffi, Sun and sounds, 1979

19. Giovanni Fontana, da Frammenti d’ombre e penombre, 2003

20. Endre Szkarosi, Ragyogàs, 2002

21. Paolo Albani, Monologo narcisista, 1998

22. Massimo Mori, Colonna continua, 1983

23. Serge Pey, Amarade, 2001

24. Gian Paolo Roffi, Invenzione del tu, 2004

25. Nicola Frangione, Giallo notturno (voce C. Daligand, musica M. Piazza), 1985/99

26. Tomaso Binga, Artaud, 1996

27. Philippe Castellin, Amerikana Pax, 2004

28. Pierre-André Arcand, La civilisation électronique lilliputienne à se mantenir en sueur (frammento), 1990

29. Eugenio Miccini, Commutazione di comunicazione di commutazione, 1979

30. Corrado Costa, Retro (frammento da "Baobab" 1990/91).

il verri
Ed. Monogramma, via Paolo Sarpi 9
20154 Milano

Distr. Librerie Feltrinelli


> Frammento A1
2005-10-14 01:36:22|di Adr.P.

Ragazzi se vi è piaciuto Adriano Spatola vi meritate di vedere e ascoltare la sua performance più celebre. Sono curioso di sapere cosa ne pensate. Cliccate Su A. Spatola Variation/variateur

www.raisatzoom.it/itv/itv.ph...


> Frammento A1
2005-10-13 20:43:10|di francesca sallusti

...E Minarelli mi fa stare bene.


> Frammento A1
2005-10-13 20:40:09|di francesca sallusti

Spatola è un grande poeta!.
Grazie, non lo conoscevo proprio!


> Frammento A1
2005-10-12 11:55:55|di A.P.

Purtroppo la versione de la c.d.t. in pdf non è integrale. Fortunatamente c’è il poema stalin


> Frammento A1
2005-10-12 04:12:00|di lorenzo

oh adriano grazie per la dritta spatola... mi sono letto la c.d.t. niente male! mo’ ci penso!

lorenzo


> Frammento A1
2005-10-11 03:57:00|di Adriano Padua

L’efficacia della parola è indiscutibile. Non si può però negare che viviamo in un’epoca nella quale i media si ibridano sempre di più. Anche la scrittura e la poesia sono state coinvolte in questo processo e con lo sviluppo delle nuove tecnologie digitali alcuni artisti hanno concentrato la loro ricerca poetica nel campo della vocalità. La vocalità è l’insieme delle attivita e dei valori propri della voce indipendentemente dal linguaggio. Quando oltre alla voce interviene il linguaggio si parla di oralità. Lavorano dunque più che sulla parola sul fonema e sulle tonalità della voce, considerando che questa abbia un valore comunicativo proprio. I loro riferimenti sono le avanguardie storiche (futrismo,zaum, dada ecc. Pensa a quanto si sarebbe divertito marinetti con un computer o un sintetizzatore). La scrittura viene relegata al ruolo di spartito per l’esecuzione fatta di elementi visuali, sonori, vocali ed a volte anche gestuali. Non credo sia un passatempo, ma di certo questo tipo di ricerca poetica va oltre il concetto di poesia per coinvolgere altri campi artistici. Ma ha riferimenti teorici forti in ong, zumthor, mcluhan. Demetrio stratos, il cantante degli area, dotato di una voce eccezionale si è prestato anche a questo tipo di sperimentazione. Tra gli italiani, oltre a minarelli e fontana, adriano spatola ha intrapreso un percorso di questo genere. Non abbandonando la pratica della scrittura, nella quale, a mio avviso, eccelleva. (vedi "la composizione del testo" in pdf sul sito di cepollaro biagio). Un saluto


> Frammento A1
2005-10-10 22:00:02|di francesca sallusti

Ti ringrazio per avermi consigliato Minarelli, sono andata a cercarlo!!.
Mi sono ascoltata Poema.
Io ho l’impressione di trovarmi davanti ad un elegante passatempo, come se l’arte e la poesia fossero un "elegante" passatempo, che non vuole essere un insulto, solo che io intendo la poesia in un altra maniera, e poi non sono mai stata troppo attratta dalla mescolanza di poesia, musica, voce, video, perchè credo nella parola e nella sua efficacia senza altre manifestazioni.
Posso dirti con tutta franchezza che Poema mi ha però divertito e
alleggerito e in un certo senso l’ho trovato anche interessante: pare che attraverso la ripetizione di Poema con la voce, superi e scavalchi la poesia, donandole così una sintesi.
Tramite la sua voce che stravolge la parola Poema, appare una poesia.
Sembra un nocciolo che contiene una qualche verità.
Chiaramente questo non succede sempre, solo in lui l’ho carpito.


Commenti precedenti:
1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)