Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > I poeti del «Delfini»

I poeti del «Delfini»

L’Unità, 2007

Articolo postato domenica 24 giugno 2007
da Lello Voce

La storia della letteratura italiana, e non solo del Novecento, è segnata dalla vicenda di decine di cosiddetti ‘minori’ o ‘irregolari’, autori che sfuggono alle facili collocazioni di scuola o tendenza, che praticano vie apparentemente appartate, o inattuali, o troppo radicali. Fatto sta che poi, a ben guardare, sono proprio codesti ‘minori’, a volte, ad essere il sale della nostra letteratura, con la loro forza e il loro coraggio di rischiare, di calcare strade da altri (spesso i ‘maggiori’) ritenute poco redditizie, o troppo pericolose. E’ questo il caso di Antonio Delfini, scrittore e poeta modenese nato nel 1907, di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita. Autore umorale, ma spesso felicissimo, Delfini ci ha lasciato uno spaccato efficacissimo della provincia italiana, in cui il gusto crepuscolare si fonde con accenti spesso crudelmente surreali in testi rimasti memorabili, come il Ricordo della Basca, Il fanalino della Battimonda o La Rosina perduta, e versi scorbutici, ma intensissimi, soprattutto nelle sue Poesie della fine del mondo.

Proprio ad Antonio Delfini è intitolato uno dei più seri e prestigiosi premi italiani di poesia, che, per iniziativa di uno dei più importanti galleristi italiani, Emilio Mazzoli, anch’egli modenese, è giunto ormai alla sua quarta edizione. Come mai, chiediamo a Mazzoli, un gallerista come lei ha tanto interesse, direi passione per la poesia?
«Lei ha ragione, anch’io direi più passione che interesse, la poesia è una cosa che ha sempre accompagnato la mia attività: ho fatto il gallerista per lavoro, ma da sempre la poesia è stata uno dei miei interessi principali. Oggi ho 65 anni, ma la mia liason con la poesia dura da quando ne avevo 15, è una specie di ‘persecuzione’, una vera e propria ossessione»
Come è nata l’idea del premio?
«Antonio Delfini secondo me è stato uno dei grandi genius loci d’Italia e certamente uno degli autori più importanti di Modena in tutto il 900. Poi è stato anche un mio amico. Lo sentivo un po’ dimenticato, e così è nata l’idea del Premio che è anche il mio modo di fare un regalo alla poesia, avvicinare dei giovani artisti al mondo delle lettere chiedendo loro di illustrare i libretti dei poeti finalisti del premio. Poi, naturalmente, senza l’input di Nanni Balestrini e Achille Bonito Oliva tutto sarebbe stato più difficile, forse impossibile».
Qual è il bilancio del premio dopo quattro edizioni?
«Il Premio è nato se vuole un po’ in casa, fatto tra amici, ma è cresciuto moltissimo in questi anni. Vedo che sia da parte dei poeti, che degli artisti, partecipare al Delfini è diventato ormai un fatto importante e questo mi fa molto piacere soprattutto perché siamo riusciti ad avvicinare la poesia alle arti figurative e questo era lo scopo primario della sua nascita»

Anche in questa quarta edizione, che consegnerà il suo riconoscimento internazionale all’inglese Tom Raworth, uno dei massimi esponenti della scrittura sperimentale internazionale, ancora poco conosciuto qui da noi, il Premio Delfini presenta un gruppo di autori nuovi complessivamente di buon livello, molto diversi tra loro, per tonalità e scelte di poetica.

Gian Maria Annovi (con i disegni di Massimo Kauffmann) in Self-Eaters (Autofagi) saggia le vie di una scrittura fortemente corporalizzata in cui le silohuette di personaggi disegnati con brevi tratti si divorano da se stesse in versi brevi e piani, raccontati con puntigliosa precisione da una poetica che disegna sullo sfondo la possibilità che non di corpi, ma di lingua in effetti si parli: «si mangia le parole / che altri poi rimangiano / e mastica un linguaggio / che abita sul fondo dello stomaco».
Lidia Riviello (con Elisabetta Benassi) nel suo Neon 80 sceglie invece un approccio più riflessivo e risentito, in un bel poemetto che, attraverso la storia delle lampade a fluorescenza, affronta di petto la storia vera e propria, a partire dagli anni 80, in cui «i metalmeccanici si estinsero come / antilopi». La scrittura della poetessa romana si affida a una sintassi complessa, ma mai distratta, che avvolge il lettore in una dimensione che definirei bio-politica, tesa alla scoperta delle contraddizioni del reale: «A quanto corpo abbiamo rinunciato per il look di base / con un’anima bella rinchiusa in una bora nucleare?» Il risultato è un poemetto intenso e ibrido di temi e stili che getta uno sguardo certamente originale sugli anni nei quali il neon «spegneva il sole».
Sara Davidovics (con Pietro Ruffo) in D’Acque, distribuisce i versi sulla pagina, contornandoli di grandi spazi bianchi, in cui spiccano frame di descrizioni e pensieri, particolari monchi, flash: «elettrico / il sangue corre sulla pellicola / più prossima alla cornea / linea in dilatazione». Il risultato sono le maglie larghe di un tessuto crudele di parole e frasi, che, nel farsi elenco, ne denunciano l’impossibile senso, la mai attinta completezza.
Stefano Massari con il suo Serie del ritorno (con Marina Gasparini) sceglie invece versi lunghi che si espandono a pie’ di versicoli brevissimi, in un’alternanza che disegna il dialogo tra chi descrive distante lacerti di azione e una voce prepotente, che indica sibillina, in un andamento a volte sapienziale, fatto dai versi assertivi, che intessono un ritmo quasi mistico e certamente orfico-ermetico: «non avere paura / l’angelo vero è il muro del niente / corpo che cade è tuo figlio (...) non avere paura / tieni tra i denti il seme migliore / corpo che nasce è tuo corpo».
Luigi Nacci (con Marco Colazzo) in Inter Nos / SS mette in campo una scrittura potentemente allegorica, dove pubblico e privato di un mondo ormai in guerra permanente, sommerso da merci e rifiuti, si fondono grazie a ritmi pensati con evidenza per essere eseguiti ad alta voce, disegnati con grande perizia metrica e prosodica, versi in cui lo spostamento metonimico potenzia l’impatto civile evidentissimo, proteggendolo da ogni retorica e costruendo un racconto intenso e colmo di echi: «Dirottiamo aeroplani di carta nei giorni di vento / Tramontana ci porta lontano e maestrale ci impenna / Nella stiva fa freddo si ghiaccia si gelano gli occhi / Non si vedono piste e non sono previsti atterraggi / (...) / Con le bombe facciamo palleggi di testa di piede di mano / Piroette sgambetti e passaggi fin quando non cade per terra / E’ un saltare di dita che pare la festa del primo dell’anno» Quella di Nacci è una scrittura di confine, confine tra stili e forme, ma anche confini fisici, che egli, confermando di aver raggiunto una rilevante maturazione formale, osserva con spietata chiarezza «Le frontiera si staglia di fronte le cose le taglia / In due volti due sguardi due modi di batter le ciglia».
Vincenzo Frungillo, infine (con Paola Pezzi) presenta un estratto da un più lungo poema intitolato Ogni cinque bracciate. Dedicato alle mitiche nuotatrici della DDR che a partire dalle Olimpiadi di Montreal stupirono il mondo con le loro vittorie, al loro corpo chimico, poi ricomparso a muro caduto, reso mostruoso dagli anabolizzanti, il testo di Frungillo si interroga sulla velocità e sulla Storia, esemplando sin il ritmo delle sue ottave sulla scansione del nuoto. Simbolo di un’umanità sempre in bilico tra storia e caos, le nuotatrici DDR e i loro corpi adolescenti vengono raccontati con una lingua piana, ma spesso piuttosto intensa che più che al ritmo sembra guardare ai tempi distesi della narrazione che le rendono singolari eredi della Laura petrarchesca, scintillanti, ma già corrose dalla perdita e dalla fine.

17 commenti a questo articolo

I poeti del «Delfini»
2007-06-26 09:17:04|di Martino

Il Delfini mi sembra che si distingua dai mille premi fotocopia almeno per gli intenti e la formula e la rosa dei sei finalisti è molto più interessante e meno scontata di quella di altri premi.

Chris, quello che hai indicato è più o meno il metodo del premio pistoiese Il Ceppo. Quest’anno lo ha vinto Giacomo Trinci, in finale su Insana e Bertoni. La giuria popolare c’è per decidere il vincitore ma non credo che il diciassettenne Adonis sarebbe arrivato in finale nemmeno lì.

Il problema è molto italiano: ormai non si va più nemmeno in un negozio a comprare un paio di scarpe se non si conosce il proprietario e non abbiamo un buon motivo per fargli il favore di comprare da lui o per attenderci a nostra volta un favore all’atto dell’acquisto! Figurati un premio letterario...

Meglio la chiamata uno a uno (almeno ogni giurato si prende la responsabilità di chi introduce) che le votazioni pilotabili (da questo punto niente è cambiato: i voti non si contano ma si pesano).


I poeti del «Delfini»
2007-06-26 02:33:27|di Christian Sinicco

Silvia, proprio oggi Luigi m’ha fatto vedere i libricini del premio - peccato non siano in vendita. Sono meravigliosi... poi la poesia può piacere o non piacere, chiaro. Quindi c’è un impegno non da poco, però il meccanismo di selezione (tra l’altro risaputo) è un po’...datato? A me piace portare come esempio Adonis che aveva 17 anni, se ben ricordo, quando partecipò al premio più prestigioso del Libano (o della Siria?...poco importa), lo vinse appunto sotto pseudonimo, e poi si presentò alla serata di premiazione e la giuria si rese conto che aveva di fronte un ragazzino (che 10 anni dopo quell’evento, pubblicò la sua prima raccolta completa)...Adonis è certamente uno dei più grandi poeti al mondo, oggi come oggi. In Italia, oggi come oggi, non potrebbe accadere una cosa simile, ma non è solo una questione che investe il Delfini, che almeno seleziona gente valida. Il problema non è appunto la chiamata o le lobby che spingono per uno o un altro poeta: io mi domando: che gliene frega a gente che bene o male è arrivata, intellettuali, di sti mezzi obsoleti chiaccherandanti che prima o poi si incisticono, si imbubboniscono, e che sinceramente hanno rotto un po’ il piffero? Trovo più interessante, indire un premio (con precise coordinate e bando pubblico) aperto a tutti e a chiamata; selezionare poi, che ne so, 8 autori, anche fino ad un massimo di tre quarti a chiamata e l’altro quarto no,...poi invitare delle classi (almeno 100 allievi) di diverse scuole superiori prima a leggere in classe i testi dei poeti, e poi a votare dopo che questi hanno letto.
Dite che saltano troppi meccanismi?
E’ possibile migliorare?


I poeti del «Delfini»
2007-06-25 22:23:10|

Paola Pezzi tra () come tutti gli altrti disegnatori/disegnatrici! READ BETTER..


I poeti del «Delfini»
2007-06-25 18:20:38|di molesini

Ah! E’ a chiamata, ecco!
I premi a chiamata, i più prestigiosi.
Christian, bisognerebbe farne l’elenco, così capiamo meglio i meccanismi.

Ad un altro livello: complimenti comunque, perché se la chiamata è buona la chiamata vale, a Massari e Nacci, e vi dirò che questo Frungillo, com’è presentato, m’intriga non poco. Come mai Paola Pezzi tra parentesi?


http://silviamolesini.splinder.com

I poeti del «Delfini»
2007-06-25 15:26:43|di Christian Sinicco

"Vedo che sia da parte dei poeti, che degli artisti, partecipare al Delfini è diventato ormai un fatto importante e questo mi fa molto piacere soprattutto perché siamo riusciti ad avvicinare la poesia alle arti figurative e questo era lo scopo primario della sua nascita" questo comunica Mazzoli.
Io voglio sottolineare il termine "partecipare", su cui forse merita fare un discorso più articolato.
In secondo luogo voglio dire all’anonimo, che non ha senso criticare senza metterci la faccia.

Se è vero che finora il Delfini ha presentato autori interessanti - lo testimonia pure la pubblicazione di Sossella, con l’antologia; aspetto che comunque rimanda ad una giuria in ogni caso preparata - è pure vero che il meccanismo di selezione degli autori è a chiamata - non mi risulta ci sia un bando, o altri meccanismi che cerchino di sfuggire questa sorta di elitarismo strisciante, di piccolo passaparola, dell’area della poesia.

Allora, forse, rispetto questa affermazione di Mazzoli, capisco l’insofferenza dell’anonimo.


I poeti del «Delfini»
2007-06-24 23:22:09|

Sul fatto che gli autori siano "complessivamente di buon livello" si può anche concordare ma che il Delfini sia uno dei premi "più seri" è davvero una gran fregnaccia. La verità è che - sin dalla prima edizione - gli unici che decidono (da prima) il vincitore sono gli "amici" Balestrini, Mazzoli, Bonito Oliva e Associati. I critici veri e i poeti chiamati a far parte della giuria sono lì solo a far tappezzeria e a dare una parvenza di ufficialità alla cosa. E’ ben noto che gli exequo degli anni passati erano il frutto/compromesso di questi due opposti schieramenti. Anche quest’anno - come volevasi dimostrare -ha vinto il candidato "protetto" da Balestrini: Lidia Riviello, come già - per altro - si vociferava da tempo. Io tifavo per Nacci ma in ogni caso congratulazioni alla Riviello, che ha preso, se è vera questa classifica, 5 voti su 17 (!)...


I poeti del «Delfini»
2007-06-24 22:39:53|



Classifica finale:

LIDIA RIVIELLO: 5 voti

GIAN MARIA ANNOVI e LUIGI NACCI: 4

VINCENZO FRUNGILLO: 2

SARA DAVIDOVICS e STEFANO MASSARI: 1

Vince i 5.000 euro Lidia Riviello!


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)