pubblicato giovedì 19 giugno 2008
ABSOLUTE POETRY 2008 Cantieri internazionali di poesia III edizione Monfalcone: 3-7 giugno Teatro Comunale - Biblioteca Comunale - Centro di (...)
pubblicato giovedì 19 giugno 2008
Durante i giorni del festival è stato allestito, presso l’atrio del Centro Giovani di Monfalcone, un Poetry Box (all’interno di "Action Poetry", (...)
pubblicato sabato 31 maggio 2008
NAVI DI CARTA L’immaginario navale nella poesia d’Occidente Un’antologia a cura di Andrea Cortellessa Non c’è poeta del Canone Occidentale che (...)
 
Home page > Absolute Poetry Festival > Absolute Poetry 2008 > I poeti e gli artisti del festival - MARCEL.Lĺ ANTÚNEZ

I poeti e gli artisti del festival - MARCEL.Lĺ ANTÚNEZ

venerdì 6 giugno, Teatro Comunale, ore 20.45

Articolo postato lunedì 26 maggio 2008
da Luigi Nacci

MARCEL.Lĺ ANTÚNEZ
(Spagna)

Protomembrana

venerdì 6 giugno, Teatro Comunale, ore 20.45

Il geniale e inclassificabile artista catalano è conosciuto a livello internazionale per le sue performance meccatroniche e per le sue installazioni robotiche, sintesi fra il lavoro meccanico del corpo e quello elettronico della tecnologia. Ad Absolute Poetry presenta Protomembrana, una performance audiovisiva interattiva con diverse interfacce dinamiche che trasformano imprevedibilmente la rappresentazione scenica. L’azione si svolge in un grande schermo, davanti al quale si posiziona Marcel.lí che indossa un dreskeleton, ovvero la seconda pelle cibernetica dell’attore, che permette d’interfacciare il movimento umano con uno stimolo elettronico che genera suoni, luci e immagini in un clamore audiovisivo di straordinario impatto spettacolare.

Nato a Moiá (Barcellona) nel 1959 e laureato all’Accademia di Belle Arti di Barcellona, Marcel.lí Antúnez fonda nel 1979 il celebre gruppo di sperimentazione teatrale La Fura dels Baus, dove lavora come regista, musicista e performer fino al 1989. Negli anni Novanta incomincia le sue performance individuali, in cui combina Parazitebots (robot controllati dal corpo), Sistematurgy (drammaturgia informatica) e Dreskeleton (l’interfaccia esoscheletrica). I temi esplorati spaziano dall’uso di materiali biologici in robotica come in Joan, l’uomo di carne (1992), al controllo telematico da parte dello spettatore di un corpo alieno in Epizoo (1994), o all’espansione dei movimenti del corpo con dreskeleton in Afasia (1998) e Pol (2002). Dopo Transpermia (2004), l’ultimo suo progetto è Membrana, costituito da Protomembrana (2005), Hipermembrana (2007) e l’installazione Metamembrana (2008).

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)