Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > IL POETA IGNORANTE E IL POPOLO SILENTE

IL POETA IGNORANTE E IL POPOLO SILENTE

Articolo postato martedì 9 giugno 2009

È l’ultimo, è l’unico modo residuo – per essere poeta. Dirsi corpo di poesia è solo memoria di muscoli: sorridere al più potente/prepotente, strizzare l’occhio/orecchio alla cricca/combriccola che calca – l’orma perfetta, il buonismo grafico e semantico.
[A noi non resta che. Vestire i Vostri scarti: il Ruolo degli Impuri, la Cattiva Letteratura, il Fattore Fastidio e i Suoni Molesti]. E si resta. In tutto questo friggere di aria e sbandierare un sincero (?) sentire sociale – chi porta poesia è ignorante. Incide chi Vi ignora. E si lecca le ferite mentre Voi leccate rapaci, felpate lingue. Chi mangia chi? Chi pubblica chi? Nella buca dei perché – il suggeritore satanasso sorride, in silenzio. E chi resta fuori [dal gregge dell’Arca/Arcadia], Vi ignora. Dopo l’immenso dispiacere, l’onere di conoscerVi. Di persona. Ché è qualcosa di personale: siete al servizio di un senso mancato. Di un accordo muto che incanta il vuoto. Che cade nel vuoto. Ecco come parla il popolo silente: pèrdono tutti! Certo più comoda la vostra lettura. Avete artefatto l’assoluzione: perdòno tutti. Leggete come cifrato vi coccoli, senza ombra di calunnia, di condanna. Per il popolo silente siete colpevoli. Tutti. Tutti i Vostri scheletri triti in teche/techne. E se si può (?) pestare la Vostra regola, se si può (?) turbare la nebbia con la rabbia, se si può (?) cremare la Vostra schiuma teorica – è solo perché siamo: quella piccola piccola parte. Il popolo silente che r’esiste. Vi conosce. E Vi ignora. Viva per la lingua muta: è una piccola piccola particella impazzita. Cambia la marcia chi non merita, chi non mistifica – tutto questo strisciare. A tempo debito: non siamo in saldo! Vi piace il suono del silenzio? E se (Ne) scriviamo? Se la bestie da macello, ora macellano? La fiera della Vostre vanità è zuppa. E ora? Ora che il legno è molle e putrido? Ora come ci vince il Vostro mulino? L’avorio delle Vostre torri è cariato, è corrotto. E il popolo silente (Vi) aspetta, nel silenzio carico di cicatrici. Il popolo silente (Vi) ignora e vive. In attesa: la verità non ha fretta. Eterna il clima, quando piove. Tempesta via i Vostri deserti. Il popolo silente è un popolo di Attori: rubate pure le nostre scene – non siete credibili. Avanzi di spettacolo per paupulare in cortile. Il popolo silente è un popolo bastardo: abbiamo sangue misto, di bile e miele, flogosi di flagelli, rugiada che respira. Il popolo silente è un popolo pallido che porta panico: le pupille come coltello, la frase felina in furia – a fondere, affonda. Il popolo silente è un popolo pericoloso: non ha paura di piangere. Nel dolore la nostra dignità. Nelle fitte il nostro riscatto. Nelle mani – giunte – le corazze per contrasto, per Essere nonostante. E si forgia nella lacrima una lama senza scorie: il valore di chi non è pronto a morire, senza prima combattere. Il popolo silente è un popolo ignorante: non Vi considera. Degni di lotta, degni di nota. E pulitevi la bocca prima – di tentare la frase metallica: non parlate di metallo ai metallari! Non commentiamo, ma abbiamo letto. Tocchiamo, forse, il Vostro Spinoza? Citiamo a scudo i Vostri “Montale!”? Perché, quindi, chiamate in causa – per le Vostre cause – i Nostri Borchiati Poeti? Che, da sempre, ignorate: TIME HAS TAKEN ITS TOLL ON YOU/THE LINES THAT CRACK YOUR FACE. Il popolo silente prepara le “Casse” per Voi: Ready to sing their enemies their last lullabies/The sunlight disappears, only torchlights break the dark/Depressive silence broken only by hard pounding hearts/Mist falls down shrouding the field in mystery/After this night all false metallers will rest in peace. Il popolo silente è un popolo di bambini, reduci dal massacro: Children Of Bodom.

E (Vi) aspetta: Voce piena. In piazza [ delle Vigne ] il 12 giugno (con)tributo ai Nostri Poeti [ Power, Death, Thrash,…]. Antidoto alla ruggine: un metallo più duro. Più puro del Vostro Aureo Cilicio.

Portfolio

13 commenti a questo articolo

IL POETA IGNORANTE E IL POPOLO SILENTE
2009-06-11 11:55:44|di Fabio Barcellandi

La poesia non dovrebbe dirsi, ma essere detta, assoluta-
mente. Il popolo (è) silente? People are people... [you, poet] metal up them (h)ears, soul sista!


IL POETA IGNORANTE E IL POPOLO SILENTE
2009-06-10 23:52:19|di Chiara Daino

E nel come La ringrazio, Signore, non credo Ella [ che parla in terza persona a terzi che non ascoltano, persi nei loro secondi fini ] scriva -quanto più: macelli.

E sia per Lei - Signore delle note del segno del vero, che r’accoglie la non lingua, la bocca infetta e il tono rosso - ogni lama di luce. E grazia.

Metal up [y]our wor[l]ds!


IL POETA IGNORANTE E IL POPOLO SILENTE
2009-06-10 23:00:14|di Lello Voce

LeggerLa Signora, di qualsiasi cosa Ella scriva, è ritrovare speranza nella sopravvivenza della lingua (e della vita). E ritmo, accenti, strati intrecciati di senso che spiazzano.Smascherano. Lei è una lama di lingua, Signora. e taglierà ogni equivoco... MERDA! (per venerdì) Chapeau! (per quanto sopra)
lv


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)