Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie

LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie

(la scena dei nuovi cantautori - I)

Articolo postato martedì 1 aprile 2008
da Luigi Nacci


Paolo Giovannetti, docente di letteratura italiana all’Università Iulm di Milano, si chiede (in una relazione presentata nel maggio 2004 al V Convegno nazionale della Società italiana per lo studio della modernità letteraria) che cosa possa insegnare la canzone alla poesia. «La poesia solo scritta - afferma - potrebbe ripartire proprio da qui: dalla consapevolezza di un legame nient’affatto organico e naturale fra le componenti semantiche e ritmico-formali del testo, e quindi dalla necessità di definire un sistema per definizione plastico di opposizioni. Un uso a un tempo sonoro ed espressivo delle strutture, sentite come risorse anche emotive». E chiude il suo intervento sostenendo che «dal carcere, ineluttabile, del proprio monologismo, insomma, il poeta può lasciarsi ibridare da soggettività che gli sono estranee, provando a scommettere sull’innesto di un diverso ordine». Non certo cose nuove per l’orecchio di chi studia e cerca di praticare la poesia performativa, ibrida e dinamicamente (de)centrata nel regno dell’intermedia, ma vale sempre la pena ricordarle, e ricordarle con gentile insistenza a chi invece proprio non ci vuol sentire, da quell’orecchio...

Per rispondere alla sollecitazione iniziale / per metterla in discussione / per evocare altri interrogativi, ho deciso di dare vita a una rubrica fissa, dedicata ai nuovi cantautori (anche se la definizione corrente può star stretta, me ne rendo conto). Chissà che questa passerella non sia foriera di analisi e collaborazioni.
Ringrazio fin da ora le persone che hanno risposto al mio invito - a tutti ho chiesto alcuni testi di canzone corredati da file audio e/o video e una dichiarazione di poetica.

Buona lettura e buon ascolto.


Luca De Nuzzo è nato a San Severo (FG) il 23 luglio 1977. Si è imposto all’attenzione generale quando ha vinto nel 2004 il “Premio De Andrè” come miglior cantautore. Ultimo di sei figli, padre noto commerciante sanseverse, De Nuzzo dopo gli studi lascia la sua città e si trasferisce a Roma, città in cui risiede tuttora. Trova la sua collocazione nella musica d’autore ma con una particolarità: canta nel dialetto della sua città, San Severo. Ha all’attivo una demo del 2003 e un CD del 2005, intitolato Luca De Nuzzo, contenente dodici brani dieci dei quali cantati in dialetto e due in italiano.


www.lucadenuzzo.com
http://www.myspace.com/lucadenuzzo


***


’A sentènze d’ù cimetère

E me ne jève aù cimetère all’ascùrde
aù cimetère all’ascùrde madònne Marie
n’ghiène e scìgne mùrte cièche mùte e sùrde
da stì làpide nòtte e joùrne fòre stànne pe scì

Ce descutève se sì vìve all’uère ind’à vìta
quànde sì mòrte vùle sùle senza nìde
e allòre iè mò che nù c’hammà cumbrundà
ì vìve stànne là e aì mòrte vànne a prià
E allòre iè mò che nù c’hammà scurdà
che pe jesse vìve l’àrie bàste da respirà

Chi pe Dije chi p’ù petròlie nìre và a murì...

Soje eccellènze " Baffe de Falche " chième a tùtte ì presènte
ije l’imputète che dicève de jèsse vìve
tùtte a l’attùrne stànne là pe sentì
nescùne me pùnte ù dète stànne là pe capì

Dicève sò nète fra làcrime e fùme còme vù
còme quìlle che pù crèdene ind’à fàtije
mùrte e stramùrte stànne là pe capì
nescùne me n’terròmpe criùse còme vu tu
Iè menùte già ù mumente che spàcche nùvele grìgie
aù rùsce tramònte de stanòtte tatatà
Cacagghiùse " Baffe de Falche " devertùte
elegànte e m’brevegnùse quèse n’vò giudecà
occhie malòcchie dìnte da nammuccià
soje eccellenze scòppie a rìre e tùtte vànne a n’tunà

E mèntre rìre soje eccellenze me spìe
me dìce tu che vìve senza truà n’à vìe
l’òmene bèlle ije te pòzze n’zengà
che n’tènne paùre de menì fin’a quà

Chi pe Dije chi p’ù paridìse
và a perdece ù sapòre de l’ùve
và a mischiàrce ind’a grègge religiùse
come se ce jèsse a cantà senza còre


*


La sentenza del cimitero

E me ne andavo al cimitero nel buio
al cimitero nel buio: "Madonna Maria!"
sali e scendi morti ciechi muti e sordi
da queste lapidi notte e giorno stanno per uscire

Si discuteva se sei vivo per davvero nella vita
quando sei morto voli solo senza nido
e allora è adesso che dobbiamo confrontarci
i vivi stanno lì e ai morti vanno a pregare
e allora è adesso che dobbiamo dimenticarci
che per essere vivi basta l’aria da respirare

Chi per Dio chi per il petrolio nero va a morire...

Sua eccellenza "Baffi di falco" chiama tutti i presenti
io l’imputato che diceva di essere vivo
tutti lì attorno stanno ad ascoltare
nessuno mi punta il dito stanno lì per capire
Dicevo sono nato fra lacrime e fumi come voi
come quelli che poi credono nel lavoro
morti e stramorti stanno lì per capire
nessuno mi interrompe curiosi come vuoi tu
E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
al rosso tramonto di questa notte tatatà
balbuziente "Baffi di falco" divertito elegante
e imbarazzato quasi non vuol giudicare
occhio malocchio denti da nascondere sua eccellenza
scoppia a ridere e tutti vanno ad intonare ah...ah...ah...ah...

E mentre ride sua eccellenza mi guarda
mi dice: " Tu che vivi senza trovare una via...
gli uomini belli ti posso insegnare
che non hanno paura di venire fino a qui! "

Chi per Dio chi per il paradiso
va a perdersi il sapore dell’uva
va a mischiarsi in greggi religiosi
come se si andasse a cantare senza cuore


(Luca De Nuzzo: chitarra classica, voce; Massimo De Lorenzi: chitarra classica; Paolo Sturniolo: basso elettrico; Erma Castriota: violino classico; Sabatino Matteucci: sax tenore)


*


Pònte e strède scùre

A tùtte ì m’brièche d’ì pònte e d’ì strède scùre chiù scùre
ije pòrte stù cànte sòpe aù fiùme che scòrre e gnòtte da mònte a città

Quà vedìme fùme e culùre girà e passà da pònte e strède passà

Nù stìme settète a cuntàrve meliùne pe meliùne
da ù lùstre d’ì stèlle nù stìme all’òmbre de tante joùrne da scurdà e da n’ventà

Vù vedìte fùme e culùre girà e passà da pònte e strède passà
e menìte pe carità sentìrce bòne còme v’aiùte a sugnà

E allòre perdìteve sòpe aì pònte e strède ancòre chiù scùre
sò strède che n’tènne sapòre ma sòle vòglie de putè frecà

Se vù frechète jìte a prià ind’a n’à cèlle e checchedùne và a paià
e se nù rubbème pecchè prià manche n’à cèlle a nù vònne paià

...e menìte pe carità sentirce bòne còme v’aiùte a sugnà
mentre spiète nù a meliùne senza girà e quante vòglie de passà

Girà e passà da pònte e strède passà
Girà e passà da pònte e strède passà
Girà e passà da pònte e strède passà
Girà e passà da pònte e strède passà

*

Ponti e strade scure

A tutti gli ubriachi dei ponti e delle strade scure più scure
io porto questo canto sul fiume
che scorre e inghiotte dai monti alla città

Qui vediamo fumi e colori
girare e passare da ponti e strade passare

Noi stiamo seduti a contarvi milioni per milioni
dalla luce delle stelle stiamo all’ombra
di tanti giorni da dimenticare e da inventare

Voi vedete fumi e colori
girare e passare da ponti e strade passare
E venite per carità sentirsi buoni
come aiuta a sognare

Allora perdetevi sopra ai ponti e le strade ancora più scure
sono strade che non hanno sapore
ma solo voglie di poter rubare

Se voi rubate andate a pregare
in una cella e qualcuno verrà a pagare
se noi rubiamo perchè pregare
neanche una cella vogliono pagarci

...e venite per carità sentirsi buoni
come aiuta a sognare
mentre ci guardate a milioni
senza girare e quanta voglia di passare

Girare e passare da ponti e strade passare
Girare e passare da ponti e strade passare
Girare e passare da ponti e strade passare
Girare e passare da ponti e strade passare


(Luca De Nuzzo: chitarra classica, voce; Massimo De Lorenzi: chitarra classica; Paolo Sturniolo: basso elettrico; Giovanna Famulari: violoncello classico; Rodolfo Lamorgese: percussioni)


(a lato si possono ascoltare le due canzoni in formato mp3)


***


Dichiarazione di poetica

I motivi che mi hanno portato ad interessarmi alla poesia sono innumerevoli e interpretabili secondo diversi punti, climi, ambienti. Posso subito dire che il mio più veritiero approccio con la poesia si chiamava Diego Armando Maradona. Anche se oggi a distanza di quasi vent’anni del calcio non me ne interesso, anzi, se ci penso mi si inacidisce il sangue, allora vedevo in Maradona e le sue manifestazioni di grande gioia in caso di vittoria e di grande dolore in caso di perdita, tutta la sua grandezza, il suo essere davvero fuoriclasse; mi commuoveva la sua personalità, quella che dagli occhi di un bambino veniva vista come trasparenza. Crescendo poi ho riconosciuto in lui l’ambiguità. Quella stessa ambiguità che è propria dei poeti, perché leggendo Dino Campana, Alfonso Gatto, Leonardo Sinisgalli, Savinio, Trilussa, Carmelo Bene, Pasolini, Alda Merini, Cesare Pavese ed altri ho scoperto il potere forte e molteplice della parola. Qualche anno prima dell’incontro con questi poeti mi sono appassionato alla musica, ma soltanto per evadere, non perché avessi già capito cosa avevo da dire; così “incontrai” Luigi Tenco, Fabrizio De André, Giorgio Gaber e Matteo Salvatore, che hanno caratterizzato il mio approccio sempre più personale alla poesia; hanno rappresentato in qualche modo un ponte di raccordo tra la poesia letta e l’emozione che ne scaturiva, facendo in modo di non lasciarmi semplicemente adorare i versi (talvolta senza neanche capirli), ma dandogli una voce, una voce vicina alle mie corde, familiare. Poi, per forza di cose, arrivarono Georges Brassens, Jacques Brel, Léo Ferré e Serge Gainsbourg.

Nell’età dell’idiozia (14-18 anni) vivi alla ricerca di un qualcosa che spesso non trovi nelle attrattive comuni e popolari, nelle cose quotidiane, (famiglia, amici, eccetera): cerchi vigliaccamente qualcuno che parli e dica ciò che vorresti dire e talvolta ciò che vorresti pensare; è quindi questo il compito dei cantautori, ridar vita alle emozioni e suggerire pensieri agli idioti, anche quelli che non hanno dai 14 ai 18 anni...
Mi metto a scrivere canzoni, senza voler esser chiamato necessariamente poeta, ma credo che si possa fare poesia con le storie raccontate e le parole cantate.
Quindi la mia gratitudine non va solo ai nomi sopra-citati, ma a tutte le persone che nel corso delle mie esperienze mi hanno lasciato qualcosa di più della convenzionale allegria quotidiana, e che hanno saputo insegnarmi la bellezza della poesia, una bellezza che non si trova soltanto nel verso scritto, ma anche nel più banale dei fatti della vita.

Ora ho tracciato nell’immaginario un cammino, dove lascerò qualcosa detto davvero dal profondo della mia persona, volendo in cambio soltanto un di po’ di ascolto. La più sana delle mie intenzioni sarà quella di cercare di dare emozioni.

Luca De Nuzzo

’A sentènze d’ù cimetère
IMG/mp3/Luca_De_Nuzzo_-_A_sentenze_d_u_cimetere.mp3

Pònte e strède scùre
IMG/mp3/Luca_De_Nuzzo_-_Ponte_e_strede_scure.mp3

42 commenti a questo articolo

LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-10 23:34:05|di Alessandra

sulle opinioni, non rispondo nemmeno, avvalendomi della tua stessa libertà di non rispondere.
Potrai fare tranquillamente il poeta, il critico musicale, lo scrittore, il giornalista...questi titoli che tra l’altro sei tu a darteli e non gli altri, non cambia lo spirito da avvocatuccio di paese con il quale affronti le opinioni altrui, con la stessa tecnica beffarda dei più avidi, di travisare i periodi e le parole degli altri. HO DETTO INCAPACE DI ENTRARE NEL CONCETTO DI DOMANDA... dire che ti ho dato dell’incapace è tutt’altra cosa...evidentemente, in fondo ti sentirai incapace, ma questo non mi importa, sta di fatto che parli di prove documentate...è scritto qui sotto quanto ti dico...quindi uno che sa travisare il significato oggettivo di alcune espressioni la dice davvero lunga, quando dice di essere critico musicale e tutte le altre qualifiche delle quali ripeto ti sei attaccato addosso da solo. Hai dato per scontato che io fossi una sbavante stupida che difende De Nuzzo senza neanche conoscere il suono del suo dialetto, ti ripeto che conosco bene le origini di mia madre che ora non c’è più. Eppoi fammi dire un’ultima cosa...e qui non voglio offenderti...ma credo che tu non parli con una donna da molto, moltissimo tempo. Ciao criPtico


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-10 17:56:39|

Dico quello che penso, non mi sfogo; sono un critico musicale, olte che critico letterario. incapace lo vai a dire a qualche altro. Dimenticavo, cerca di moderare i termini. Personalmente, mi sono limitato ad esprimere un mio giudizio ma senza usare parole del tipo"incapace". Alla luce di questo, allora, credo che sia assolutamente inutile risponderti ancora. Poniti diversamente riguardo alle discussioni in generale. Questo blog ha lo scopo di dialogare, non di offendere!!! Quanto a me, ho detto cose nel mio primo post documentabili in maniera attendibile (l’intervista di De Nuzzo a ’Studio Aperto’ puoi ascoltarla benissimo sul sito e ti renderai conto se dico o meno la verità)! Sono abituato a dire la mia solo quanto ho le competenze specifiche riguardo al campo di cui si parla e non a sparare a zero, senza senso o per il gusto di criticare oppure offendere qualcuno. Anche la Costituzione Italiana sancisce la libertà d’opinione (almeno sulla carta). Credo che ogni opinione vada rispettata o, se si vuole sostenerne una diversa, lo si faccia usando la dovuta accortezza nel parlare. Comunque, quanto ho detto, scaturisce anche e soprattutto dopo aver ascoltato un disco di De Nuzzo!


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-10 02:46:43|di Alessandra

mia madre era di San Severo! Incapace di entrare nel concetto di domanda...cerca di piantarla e vai altrove a "scaricarti".
Per compensazione e per fortuna appaiono anche delle parole più umane e meno "tignose"...grazie del tuo intervento Gianluca. Al poeta chiedo di porsi in termini interrogativi e non con questa spocchia da parocchiano.


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-09 11:13:19|di Giancluca

Scusate se mi introduco in questa discussione.
Sono anch’io di San Severo,anche se vivo a Pescara da diversi anni, come insegnante, e devo dire che mi ha fatto molto piacere sentire il mio dialetto portato in giro per l’Italia, e mai avrei pensato che un romano potesse pronunciare la parola “sansevereese”.
E quindi prima di fare critiche cerchiamo di valutare la cosa da un punto di vista più ampio.

A questo merito indiscutibile va aggiunto però che è vero che il ns dialetto risulta strano all’ascolto,
lo si riconosce solo in alcune frasi, (ma questo non toglie il merito).

dal punto di vista artistico, è una mia opinione spassionata, io credo che, come si è detto, ogni artista nasca da un altro, ma poi deve prendere una sua strada, pur mantenendo alcune influenze. In
queste canzoni invece non si tratta di influenze ma proprio di un appoggiarsi sull’idea artistica del maestro De Andrè, e credo che questo accada per un naturale processo di crescita.
Anche a me scrivendo poesie nel corso degli anni è capitato.
Quando una personalità artistica non è del tutto definita, trova delle basi temporanee in altri esempi, che nel tempo verranno eliminate dal nascere di uno stile proprio.

Per questo io incoraggio Luca ad andare avanti, pur facendo tesoro delle critiche che chiunque si esponga in pubblico dovrà aspettarsi, sicuro che ci darà canzoni sempre più belle.
Cordialmente.
Gianluca.


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-09 00:53:55|

Non mi abbasso ai suoi infimi livelli, mi avvalgo della facoltà di non rispondere!!!
Mi chiedo, se è lecito, come fa lei a valutare la musica di De Nuzzo (per altro tutta in vernacolo sanseverese) senza conoscere affatto il suo vero suono e la sua corretta pronuncia?


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-08 20:13:19|di Alessandra

Ma la faccia finita ridicolo, bacucco innominato!


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-08 00:20:07|

All’avvocato difesore che scrive parole mielose nei confronti del De Nuzzo, faccio notare che ho espresso un mio parere Rifarsi ad un cantante di ’base’ per costruire la carriera canora come fosse una casa, è ammissibile ma col tempo, però,codesta ha bisogno di essere rinforzata,diventare una struttura stabile ed in grado di tenersi da se’. Tutti gli artisti a cui De Nuzzo si rifà li ho individuati tutti ma una lista della spesa come la Sua, gentile esperta d’informazione (Benetti; altrimenti mi dirà che ho omesso qualcosa!!!)fa sempre bene averla presente. Comunque, mi sono occupato anche di musica e so bene come si fa il mestiere del giornalista!!!! Mi piacerebbe tanto, però, venire alla sua scuola di grammatica. Ricorda mica l’indirizzo ed i documenti necessari per l’iscrizione? Quando scadono i termini per la presentazione delle domande? Posso iniziare già da domani a seguire i ’corsi’. Partiamo da quelli di punteggiatura? Le sue annotazioni in merito alla correttezza della punteggiatura stessa non mi sfiorano neppure. Posso dire che ad oggi alla gente piace il mio modo di scrivere, quindi mi legge sempre.
Ossequi, ci vediamo a lezione di grammatica (maestra).


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-07 14:50:02|di Alessandra

ORA BASTA! Mi chiamo Alessandra Benetti, vivo a Roma e mi occupo di informazione, (ma non nel senso canonico del termine). Da qualche giorno questo blog è infestato da inopportuni celebratori della critica più ovvia, retorica e di basse frequenze...ho letto attentamente quanto è stato scritto prima e non intendo accendere discussioni personali, ma mi interessa rispondere un po’ a tutti questi ultimi individui che non hanno neanche il coraggio di metterci NOME E COGNOME approfittando che questo sia un blog di discussioni costruttive e non distruttive. Detto questo devo appurare che il popolo italiano somiglia sempre più a quel popolo descritto da altri uomini e artisti discussi e "violentati" senza pietà come De Nuzzo. Guarda Pasolini, Carmelo Bene...e altri ancora.
Un condominio di cani abbaianti, diceva un grande poeta: L’Italia, una perpetua assemblea dominata dal confort della bestialità del branco".
Appena comincia uno tutti li vanno dietro...che bestie!
A chi giustamente dice che bisogna far buon uso delle parole, rispondo che bisogna anche sapere scrivere per bene e usare la punteggiatura a dovere, prima di fare lezioni agli altri.
A chi ingiustamente e senza alcuna conoscenza profonda definisce poco originale il lavoro di De Nuzzo consiglio di leggere Alfonso Gatto e Leonardo Sinisgalli.
Io conosco Luca, non fa altro che porsi in termini interrogativi verso la gente di San Severo cercando di trovare delle possibili risposte che non condannino la gente più debole che subisce i giochini dei vostri notai, avvocati, medici, farmacisti, gioiellieri e quanti altri preferiscono leccare i piedi ai politici rendendo ancor più defatigante la vita dei giovani. Ma non vorrei essere malintesa...Luca De Nuzzo è capace di difendersi da solo, non ha bisogno di me...ultimamente è molto occupato per il suo nuovo disco e comunque so’ già che lascerebbe dire a tutti ciò che vogliono e non si accosterebbe neanche a voi per difendersi..questo è il suo modo, molti pensano che si tratti di superbia, non è così. A coloro che non trovano interessante il lavoro di Luca e che soprattutto non lo comprendono, facendo i soliti accostamenti a De André non posso che dire: "Tutta vostra libertà di pensarlo"..ricordo che ogni artista è figlio di qualcun altro...ricordo che il primo Vinicio Capossela veniva accostato a Paolo Conte a sua volta accostato ai francesi.
Ma questa è anche la prova che neanche De André (nonostante tutte le promozioni e le celabrazioni di questi ultimi anni) sia riuscito ad essere compreso per bene...quando viene così sminimizzato in confronti facili e fuoriposto...avete mai sentito parlare di Luigi Tenco, Giorgio Gaber, Matteo Salvatore, Caetano Veloso, Enzo del Re, Ivano Fossati, Jacques Brel, Georges Brassens, Léo Ferrè, Serge Ganigsburg? Tutti nomi che fanno parte del calderone di De Nuzzo e non soltanto il più conosciuto De André.
I miei ossequi.

Alessandra


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-06 21:52:54|

Salve,
sono un cantautore, poeta e giornalista.
Scrivo da San Severo (Fg). Ho girovagato sul web e, con piacere, ho scoperto il sito di un mio compaesano cantautore che, per altro, si è fatto strada. Avevo già sentito qualcosa di suo ma non sapevo neppure chi fosse Luca De Nuzzo ( o Denuzzo, non so come si scrive esattamente). Detto questo, però, devo sottolineare delle cose importanti (premetto che scrivo poesie dal’97, stesso anno dal quale scrivo articoli giornalistici. Giornalisticamente, mi sono occupato anche di musica). Mi chiedo, allora, Si può dire cantautore chi afferma"Giorgina è nata in un momento... ero a corto d’ispirazioni musicali, ho ’trovato’ questo brano di Caitano Meloso, mi piaceva la melodia e ho ’portato’, diciamo un mio testo a questa musica" (occhio all’ italiano!!!) Queste affermazioni si possono ascoltare nella video intervista rilasciata al tg ’studio aperto’(in onda su Italia 1) da De Nuzzo e pubblicata sul sito ufficiale del medesimo. L’anima d’un artista, a mio parere, non è mai priva d’idee!!! Non è tutto: può una persona di cui si dice”Ma Luca De Nuzzo, cantautore, bassista e chitarrista” (vedi video intervista a ‘Studio aperto’) utilizzare melodie’precotte’ e non riuscire a crearne delle proprie totalmente inedite? Quanto al dialetto locale che parlo e conosco molto bene anch’io, devo dire che è usato male; è stridente, manca il connubio, fondamentale in una canzone, tra musica e testo. I testi invece, sono scarni, le melodie monotone’pedanti’. Il tono di voce, l’anima e l’ideologia, sono tipiche di Fabrizio De Andrè quindi, imitate e per nulla originali. Non si dimentichi che a monte di tutto c’è l’assegnazione a De Nuzzo del premio De Andrè (come si può!!!). Credo che le parole’cantautore’, ’artista’ o simili, vadano usate con estrema misura e non pronunciate per sentire il loro suono, magari anche gradevole al nostro udito o utilizzarle come ’vento’ utile per farci volare fino al cielo. Credo che tali appellativi deve darceli il pubblico e mai noi stessi. Il ’vento’ utile per farci volare fino al cielo a cui accennato o alcuni premi ottenuti nel campo musicale e provenienti da concorsi e quant’altro, spesso (occhio, dico spesso e non sempre), possono essere solo una mera illusione, un modo per incitare a fare musica e pubblicarne tanta e, magari, di scarsa qualità (parlo in generale; non per offendere De Nuzzo). A prova di quanto ho appena detto, basta sintonizzare la radio su una qualsiasi frequenza, oppure sintonizzarsi su un qualsiasi canale televisivo musicale).Le illusioni ed i’venti’ di cui parlavo sopra, potrebbero essere ’pasto succulento’ per i discografici, un modo elegante per spillare soldi alla gente’in giacca e cravatta’ o con le parole’dolci’. Concludo facendo un in bocca a lupo a De Nuzzo ma nel contempo, lo invito (consiglio amichevole) a ’misurarsi le forze’ prima di usare certe parole, ad essere umile sempre sentendosi un viaggiatore tra i viaggiatori che devono raggiungere la meta (e vogliono raggiungerla a tutti i costi, nonostante le difficoltà e la lunga durata del viaggio) e mai un colui che ha già raggiunto la meta (la meta definitiva è lontanissima perchè ogni arrivo è sempre un nuovo punto di partenza), a lasciare che gli altri riconoscano ed apprezzino le sue qualità e mai autocelebrarsi. Un Cordiale Saluto.


LUCA DE NUZZO: E’ arrivato già il momento che spacca nuvole grigie
2009-05-04 10:42:06|di Carmela

salve, mi chiamo Carmela e sono di San Severo. ho ascoltato pochi giorni fa il cd di Luca de Nuzzo. io sono una musicista diplomata in conservatorio, e ho apprezzato molto gli arrangiamenti. bellissme le chitarre di Massimo de Lorenzi e il vioino di Erma Castriota.
per quanto riguarda la scrittura di canzoni nuda e cruda, devo dire però che come sanseverese ho trovato il dialetto poco comprensibile, poco naturale, e l’interpretazione troppo diretta all’esempio di F. De Andrè.
spero che questo serva ad incoraggiare questo giovane artsita della mia terra.
Saluti.


Commenti precedenti:
< 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |>

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)