Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > La Dismissione di Fabio Orecchini

La Dismissione di Fabio Orecchini

Articolo postato lunedì 8 dicembre 2008
da Valerio Cuccaroni

Autore polimorfo, Fabio Orecchini si muove fra poesia, video, giornalismo ed enogastronomia! E’ coordinatore romano della nostra rivista Argo, responsabile del progetto [[A]live Poetry e da poco gestore di un locale a Roma.

Chissà se ha seguito i consigli del buon Orazio dionisiaco o del Charles dei Paradis artificiels per scrivere "Dismissione", questo suo poema sulla nostra era post-industriale, fatto sta che quando me l’ha fatto leggere, vi ho ritrovato la freschezza incandescente di certo Soffici e la potenza espressionista di certa nostra poesia italiana contemporanea (Sparajiurij, Lello Voce, Luigi Nacci...). Così ho pensato che fosse cosa buona e giusta pubblicarlo qui.

Per invogliarvi a scaricarlo e leggerlo, vi ho trascritto l’incipit. Buona lettura!

*

Fincantieri: la soluzione

E tutto riappare miseramente
monomero amore metallifero
di morire mentre mormori e invano
collezioni potassa
sillabe
oddii

le mani mutile le bocche
cucite fracassano i timpani assolti,
inutile silenzio
e apnèa il respiro parola.

Lingua morta fragilita e scuce
risvolti di pieghe contratte leucemie,

lascia che io frenetichi eresie
mendaci e tulle nella gola
immacolato e incorruttibile amianto
sangue rappreso ciniglia.

Da Fabio Orecchini, La dismissione

13 commenti a questo articolo

La Dismissione di Fabio Orecchini
2008-12-09 15:34:01|di Luca Paci

Scusa, ho appena visto il PDF!


La Dismissione di Fabio Orecchini
2008-12-09 15:32:35|di Luca Paci

Interessante Fabio! Vorrei pero’ leggere tutto il testo..
un caro saluto
Luca Paci


La Dismissione di Fabio Orecchini
2008-12-09 14:55:59|di Fabio Orecchini

ciao a tutti, vi scrivo solo qualche notizia in più:

Fabio Orecchini (Roma, 1981), poeta e scrittore, dopo essersi laureato in Antropologia culturale presso l’Università La Sapienza di Roma (tesi sperimentale sulla concezione di corpo, malessere e malattia tra i sans papiers della città di Roma in collaborazione con Medici senza frontiere)- , ha intrapreso un cammino di ricerca nell’ambito del cinema e della videoarte. Nel 2008, insieme a Alessandro Dionisi e Marco Vitale ha fondato l’Associazione Culturale "Meddle TV", in seno alla quale è nato Alive Poetry, un progetto di documentazione video dedicato ai poeti contemporanei, in particolare giovani. Questi lavori sono stati presentati in alcuni festival italiani (Mediterranea - TorinoPoesia- RomaPoesia- Poetry Vision Trieste). Direttore artistico del club "beba do Samba", noto club romano per la musica dal vivo e l’organizzazione di eventi artistici e e letterari.
Coordinatore della redazione romana della rivista Argo. Ex-alcolista, oggi sommelier e giornalista enogastronomico.
Per qualsiasi informazione su DISMISSIONE, su Alive Poetry e su tutti i miei lavori contattatemi pure : alivepoetry@hotmail.it


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)