Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?

La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?

(statistiche, ipotesi, proposte)

Articolo postato lunedì 7 maggio 2007
da Luigi Nacci

È appena uscito il n. 7 di CARTE NEL VENTO, il periodico on-line della Biennale Anterem di Poesia e del Premio Lorenzo Montano a cura di Ranieri Teti. All’interno della rubrica "poesia & internet" c’è un mio articolo, che rilancio qui (nello stesso numero un intervento di Claudio Di Scalzo, nel numero di febbraio due interventi di Vincenzo Della Mea e Christian Sinicco).

***


La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?

Ci sarebbero, dicono alcune statistiche, 2 milioni di poeti in Italia. O meglio: 2 milioni di persone che fanno stampare in proprio o con case editrici, pubblicano sul web, gratuitamente, o guadagnandoci o rimettendoci, i propri versi. La cifra non è sicura, ma inconfutabile è il trend: negli ultimi decenni e in particolar modo negli ultimi anni il numero di persone che hanno sentito e sentono il desiderio di scrivere e rendere manifesta tale passione è aumentato esponenzialmente. Intanto la schiera di lettori generici si è ingrossata ma non con simile vigore: secondo l’ISTAT la lettura di libri riguarda attualmente circa il 40% degli italiani da 6 anni in su (più al Nord, più donne, più nei grandi agglomerati urbani), ovvero 23 milioni di persone.

Poesia e teatro, che a fini statistici formano un settore unico, rappresentano il 3% della produzione libraria. Anche volendo essere ottimisti e partigiani, la poesia potrebbe arrivare al 2%. I romanzi e i libri di racconti sono in testa, con più del 15%. C’è comunque chi sta peggio: i testi di architettura, urbanistica, sociologia, storia della letteratura e della critica. Supponiamo che il 2% dei 23 milioni di lettori sia la fetta dei lettori di poesia, presto fatto: 470mila persone. Quasi mezzo milione di compatrioti che leggono, chi abitualmente, chi di rado, poesia. Eppure le riviste non arrivano a tanto: la prima è “Poesia”, tira 18-20mila copie, ne vende 12mila, e sebbene gli acquirenti siano sempre inferiori rispetto al numero di lettori reali, è difficile pensare ad un audience di centinaia di migliaia di fan (suggestione empirica: nell’edicola vicino a casa mia, in pieno centro a Trieste, l’edicolante da tempo non la tiene più perché, dice, “non vendevo nemmeno una copia”); seguono in ordine sparso, staccate di molto, “Nuovi Argomenti”, “Anterem”, “Semicerchio”, “Atelier”, “Gradiva”, “La Mosca di Milano”, “Polimnia”, “La Clessidra” ed altre con numeri inferiori. La tiratura media delle opere di poesia, sempre secondo i dati ISTAT, è di circa mille copie, poi c’è chi ne vende 6-7mila (arrivando quasi a scalfire la tiratura media dei ricettari!), come Covers di Montanari-Nove-Scarpa, e chi qualche centinaio, o meno, in genere tra amici e parenti. Dove sono gli altri appassionati di poesia? Evidentemente non sono interessati agli autori viventi, e difatti i libri più venduti sono i sempreverdi in edizione economica e tascabile (Ungaretti, Leopardi, Montale, Neruda, Dickinson, Prévert, Saba, etc., con l’eccezione della viva e vegeta Alda Merini). C’è un però: si moltiplicano nel belpaese i festival (cfr.: Ma sono proprio (really) tutti Festival?), i reading, gli spettacoli, i corsi di scrittura e di lettura; parallelamente proliferano i blog che hanno a che fare con la poesia – BlogItaly ne conta più di mille, dal diario intimo della studentessa liceale all’ultima tendenza del momento, i blog collettivi, che riuniscono in taluni casi anche autori apprezzati dalla critica e dai colleghi.

Secondo i dati rilevati da Eurisko, il numero totale di persone che accedono alla rete in Italia oggi, anche occasionalmente, corrisponde a oltre 17 milioni, che si riducono a circa 16 se si escludono gli accessi in situazioni esterne, come corsi di formazione, case di amici, biblioteche o bar/internet caffé, e a meno di 13 se si contano le persone che affermano di collegarsi “almeno una volta alla settimana”; sono fra i 4 e i 5 milioni le persone che usano internet tutti i giorni (gli internauti più numerosi sono maschi, vivono nelle regioni di nord-ovest e sono in larga parte insegnanti, studenti e impiegati). Ora, se considerassimo il totale dei fruitori della rete alla stregua del totale dei lettori di libri, tenendo a mente il fatidico 2% di cui sopra, potremmo stimare l’esistenza di un popolo-web di consumatori/appassionati di poesia stimabile tra 100mila e 340mila unità. Ma i blog e i siti di poesia vengono letti da tutte queste persone? Parrebbe di no, nonostante non vada sottovalutata un progressivo incremento: il blog più cliccato è NAZIONE INDIANA, che viaggia su 40mila utenti al mese, ma è la narrativa a tenere banco; generalmente gli onlypoetryblog viaggiano tutti sotto i 30 mila visitatori unici mensili, dai più frequentati, come ABSOLUTE POETRY e LA POESIA E LO SPIRITO, a via via a tutti gli altri che in media hanno tra i mille e i 6mila visitatori mensili con punte di 10mila dovute a zuffe o provocazioni che stimolano fiumi di commenti (per una panoramica si veda la rubrica “Poesia e blog” tenuta su “Tellus folio” da Stefano Guglielmin; per alcune cifre e non solo si veda Canti e balli di Christian Sinicco, uscito su “Fucine Mute”.

Come mai i blog non sfruttano appieno il bacino potenziale? Si potrebbe rispondere tirando in ballo la solita disaffezione verso la poesia contemporanea, che spesso viene vissuta dai più come “roba da addetti ai lavori”. In parte è così, l’elitarietà e la pesantezza di tanti proclami e di tante scritture leggibili a stento non facilitano l’avvicinamento, ma ciò non basta alla disamina; laddove il “poetese” impera e il sentimentalismo (farcito di parole innamorate) lo insegue, non è detto che ci siano le masse, anzi, le masse non ci sono, nemmeno lì. Piuttosto bisognerebbe domandarsi perché i festival, i poetry slam, le letture abbiano successo, anche – o forse bisognerebbe dire specialmente – in contesti che farebbero supporre il contrario: città decentrate, cittadine, paesini raggiungibili con difficoltà (due esempi su tutti: Absolute Poetry Festival, che si svolge in marzo in un centro di 30mila persone, Monfalcone; Stazione di Popolò, a luglio, sul confine tra Italia e Slovenia, in un villaggio di 33 anime.

Ipotesi: forse c’è, come afferma tra gli altri Bauman, un riflusso di comunitarismo, un desiderio di affrancarsi dalla solitudine della propria disumana condizione precaria per stabilire dei rapporti umani (semi)solidi (o meno liquidi); e allo stesso tempo si accresce una vocazione strapaesana – venata da spinte reazionarie in taluni casi, da visioni/pratiche equo-solidali in altri – una voglia di fuga dalla città a favore della periferia in quanto luogo della riflessione e della lentezza (al TG1 delle 13:30 del 6 maggio è stato detto che, secondo dati ISTAT, il 56% degli italiani desidererebbe trasferirsi nei piccoli comuni).

Internet produce un immaginario composito: è prosecuzione della longa manus tecnologica, non-luogo, terra desolata e anonima, balocchiland, rete di scambio di notizie/messaggi/denari, corsia dei 100 metri in cui sfrecciare a velocità inaudite, blob/ragnatela in cui si resta invischiati; oppure è, per chi è lontano dai centri del potere, per chi è impossibilitato dalla malattia, per chi è escluso per qualsiasi ragione, motivo per credere di appartenere al mondo dei benandanti, per affacciarsi alla finestra del circuito globale.

Internet non è la soluzione, è un mezzo, e la poesia non è un organismo autosufficiente, la poesia è se i poeti sono. Se i poeti usano internet per abbattere le mura dell’auto-referenzialità della poesia (italiana, occidentale), allora i risultati si potranno (intrav)vedere: stimandosi in 30 milioni la prossima utenza internauta nel nostro paese, il bacino dei potenziali fruitori potrebbe superare quota 600mila. Riuscire a catturarne almeno la metà sarebbe già un trionfo. Affinché ciò sia possibile, è necessario, a mio modesto parere, che si verifichino alcune eventualità:


- i venti/trenta/quaranta blog di poesia condotti con più serietà e assiduità, sia collettivi che individuali (escludo i diari personali), dovrebbero cercare dei punti di contatto, in vista di un’unificazione (cfr: Distretto Culturale) che non semplifichi o banalizzi le proposte, bensì le strutturi meglio, con più rigore, professionalità, al servizio del lettore/ascoltatore (non solo testi “lineari”, anche registrazioni audio, video, opere-poesia multimediali, quant’altro oggi non si possa immaginare);


- l’Università, con i suoi baroni, i suoi docenti a contratto e i suoi ricattabili ricercatori dovrebbe aprirsi al web: si dovrebbero realizzare studi sulla condizione della poesia e delle sue trasformazioni attraverso e nei media, promuovere seminari, convegni, aggiornare le tecniche bibliografiche, considerare le pubblicazioni di poesia e di critica on line degne quanto le rispettive off line anche ai fini di valutazione accademica, contribuire alla nascita di nuove riviste su supporto cartaceo/multimediale che vadano incontro a pubblici diversi (a tal proposito l’articolo di Sinicco postato su AP pochi giorni fa, nonostante sia da assimilare più a una boutade che a una proposta ponderata, va comunque letto come voglia, da parte sua e di altri poeti e/o fruitori web, di dare vita a un progetto comune) incentivare la formazione di umanisti votati al libro antico tanto quanto ai codici html;


- si dovrebbe trasmettere alla forma-blog una quotidiana dose di flemma, pause in cui far decantare le riflessioni, forum con commenti che proseguono per settimane, non solo giorni o ore, come succede solitamente (regolare e far ruotare le figure dei moderatori, senza che ciò si traduca in ritorno all’ordine a scapito della vivace anarchia del mezzo);


- infine, per tornare al tema del rinato comunitarismo e del desiderio di fuga dai centri (dal centro), bisognerebbe ispessire il cordone tra internet e realtà, affinché il pubblico abbia la possibilità di instaurare relazioni sensibili con i poeti e gli operatori culturali del web, di sentire dal vivo una lettura di testi o una performance o una relazione, dopo averla magari assaporata su YOU TUBE.

La grande proletaria dei poetinternauti s’è data una mossa. Nel 2006 si sono svolti dei BLOG-MEETING a Macerata e Foggia, nel marzo scorso a Monfalcone (il verbale della riunione è stato redatto da Massimo Orgiazzi e si può leggere su “L’Attenzione”), a fine aprile la discussione è continuata a Bazzano e tra pochi giorni continuerà a Torino. Sono state formulate delle proposte ed è palpabile l’esigenza, da parte dei poeti che vivono la rete, di darsi appuntamenti fissi in carne e ossa. Non ci è dato sapere se saranno fruttuosi, o se, come scrive Mutis, todo irà desvaneciéndose en el olvido / y el grito de un mono, / el manar blancuzco de la savia / por la herida corteza del caucho, / el chapoteo de las aguas contra la quilla en viaje, / serán asunto más memorable que nuestros largos discorsi.

17 commenti a questo articolo

La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-08 10:44:40|

Nacci, scusi, ha dimenticato di aggiungere fra i pugliesi Cornacchia.


La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-08 09:27:48|di Luigi Nacci

ps serio:

ci sono già, si stanno facendo ricerche sulla poesia a partire dal territorio, per esempio: Vertenza sud. La poesia nelle regioni dell’Italia meridionale (Besa, 2001), Giovane poesia salentina (Besa, 2001), La linea del Sillaro (Campanotto, 2006), Trieste allo specchio (Battello stampatore, 2006).
Mi piacerebbe scoprire se esistono altre ricerche simili, fatte come, da chi, dove, quando...


La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-08 09:14:02|di Luigi Nacci

Infatti Alessandro, non era altro che una provocazione...


La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-08 05:56:05|

ah ah, fica sta cosa, questa specie di scheletro di ragno, ma alla fine che si ottiene? Voglio dire, internet sono sabbie mobili. Mi piace l’idea, è affascinante ma, da un lato sarebbe una specie di listone di partito unico dei poeti (?), dall’altro bisognerebbe condividere intenti, motivazioni, insomma, bisognerebbe immaginare un fungo senza averlo mai visto, non è una cosa semplice, ed è tutto così fuggevole e precario sul web. Mi sforzo di proiettare la cosa, ma oltre a creare una rivista (per dire) tutte queste sinapsi in cosa sfocierebbero? La domanda è sempre quella, internet è un mezzo, ma un mezzo per andare dove?

A


http://www.zeroola.splinder.com

La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-08 01:10:57|di Luigi Nacci

X Christian e Alessandro:

- incontri tra blogger non autoreferenziali, va bene, ma nemmeno troppo aperti; il problema è sempre lo stesso: non è bello essere solo in 37 ma nemmeno in 370.000 è facile coordinarsi. Una selezione va fatta. Secondo me va fatta puntando alle radici/ramificazioni territoriali. Varrebbe lo stesso anche per uno studio-regognizione-panorama dettagliato della poesia italiana contemporanea: (s)formiamo un gruppo, che so, di 40 poetinternauti in tutto, o 60 al massimo, 2-3 per regione (magari le regioni più piccole ne avranno 1 solo). Volete che butto là una lista così al volo? Eccola, random, arrotondata per eccesso (ne butto nello shaker un centinaio), che prende in considerazione un po’ di poeti più o meno attivi su web (chi gestendo spazi, chi frequentandoli, chi né l’uno né l’altro ma essendo aperto ai nuovi media forse potrebbe accettare di stare al gioco):

REGIONGAME

CAMPANIA: Voce, Valente, Forlani, Cangiano, Cepollaro, Passannanti

TOSCANA: Ciofi, Baldi (Martino), Cassioli, Matteoni, Simonelli, Lo Russo, Fabbri, Del Sarto

ABRUZZO: Ottonieri

MOLISE: Vaccaro

VALLE D’AOSTA: ?

SICILIA: Padua, Palmigiano, Aglieco, Pizzo, La Chiusa, Rendo

PUGLIA: Pagano, Mansueto, Zizzi, Ritrovato, Margiotta, Schiavoni, Astremo, Benedetto

CALABRIA: Scalise? Maffia?

SARDEGNA: Gambula, Masala

BASILICATA: Frangione, Brancale, Lizzadro, Salvatore, Tramutoli

LAZIO: Fontana, Guzzi, Magrelli, Pepe, Brandolini, Giovenale, Febbraro, Massari, Ansuini, Raimo, Carlucci, Franchi

FRIULI VENEZIA GIULIA: Della Mea, Nacci, Villalta, Sinicco

VENETO: Ermini, Guglielmin, Scarpa, Rizzante, Molesini, Ponso

TRENTINO ALTO ADIGE: Lamarque? Stanchina?

LOMBARDIA: Balestrini, Cucchi, Lucini, Sissa, Nove, Alborghetti, Bulfaro, Bortolotti, Broggi, Lanfranchi, Lorefice, Fratus, Ariano

LIGURIA: Durante, Venerandi, Sannelli, Diavoli, Daino

MARCHE: Davoli, Socci, Nota, Babino, Gezzi

PIEMONTE: Inglese, Paci, Orgiazzi, Merlin, Sparajurij

EMILIA ROMAGNA: Minarelli, Manzoni, Mesa, Ramberti, Testa, Fantuzzi

UMBRIA: Cerquiglini? Piccini? Chiuchiù?

...

Un’operazione impossibile, dunque... funny assai :-))


La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-07 23:56:53|

Ciago Gigi, Della mea a bazzano sciorinava una serie di numeri che alla fine ci dicevano che nel pollaio siamo in 37, reali. Ora, io non so dirti esattamente come vincenzo arrivava a queste cifre però so per certo che mi sembrano molto più plausibili dei 600.000.
Il punto è - come dissi una volta a christian - che spesso si pensa che il nostro universo internet sia l’universo complessivo, quando invece siamo in 37.
Faccio un esempio: io, diciamo, faccio parte di un gruppo di poeti che frequentava gli stessi posti in internet, ed ecco, posso scriverti qui in elenco 50 poeti che tu non hai mai sentito nominare, attivissimi. Io, su liberinversi, il 90 per cento dei poeti non li conoscevo. Cosa voglio dire con ciò? Che ci sembra di aver esplorato la blogsfera e invece abbiamo solo intravisto la punta dell’iceberg. Cosa c’è da fare? il solito. scrivere, organizzare, collaborare, conoscere, finché si tiene botta. E cercare di individuare gli snodi più importanti.

A


La grande proletaria dei poetinternauti s’è mossa, o no?
2007-05-07 17:55:51|di Christian Sinicco

C’è una parte del discorso Luigi, che si base su delle statistiche più o meno accettabili - tutte le stat è meglio prenderle con le molle o come molla per proiettarsi da qualche altra parte.

1. a mio giudizio, gli incontri tra i blogger, potrebbero pure essere interessanti, ma non in quanto prodotti per i blogger, non solamente qualcosa di "rete", ma qualcosa che produce altro, che dimostra un’operatività atta a fare - il campo in cui dobbiamo muoverci -, che dimostra che un blogger pure "costa" perché fa un lavoro.

2. sul tuo articolo non tieni in considerazione un aspetto: la maggior parte dei festival o altre manifestazioni non è in rete, la maggior parte degli editori non si confronta con i blog e non utilizza i blogger nella comunicazione (cioè siamo ancora nella preistoria del marketing su internet per la poesia), e e e... Dall’altra parte c’è uno sparuto gruppo di blogger, che può progettare qualcosa, se si converte ad una sorta di "professionismo" (ovvero recependo un ruolo, di organizzazione, di comunicazione, etc; che non vuol dire trascurare, come fatto trapelare sempre su blogmeeting da Forlani, la propria spinta umana, anche istintiva).

La sfida, in termini operativi, è appena iniziata, ma ci vorranno molti anni per trasformare un proto-ambiente in un qualcosa di degno pure per gli autori che vorrebbero spazi.


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)