pubblicato mercoledì 11 giugno 2008
Concerto finale all’insegna del rock con Lydia Lunch e la sua Band. La performer americana presenta i suoi testi, appositamente tradotti nella (...)
pubblicato mercoledì 11 giugno 2008
Miserere è un’opera aperta e itinerante alla quale collaborano alcuni musicicsti e poeti tra cui i tre in scena a Monfalcone ed altri già visti sul (...)
pubblicato mercoledì 11 giugno 2008
Il primo concerto della serata finale è all’insegna della contaminazione dei generi. Un mix ben assortito di hip-hop, elettronica, drum’n bass e (...)
 
Home page > Absolute Poetry Festival > Absolute Poetry 2008 > Diario di bordo > La poesia per immagini / Lavoroliquido

La poesia per immagini / Lavoroliquido

Inizia Absolute Poetry 2008

Articolo postato mercoledì 4 giugno 2008
da Adriano Padua

I cantieri di poesia di Absolute Poetry 2008 aprono i cancelli con una serata di presentazione tutta dedicata alla poesia per immagini. La poesia entra idealmente all’interno dei cantieri navali di Monfalcone in occasione del loro centenario, presentando in anteprima La poesia per immagini, rassegna di clip di videopoesia introdotta dalla strana coppia Enrico Ghezzi - Andrea Cortellessa.

JPEG - 101.1 Kb

Sullo schermo a succedersi Amelia Rosselli nel ricordo di Stella Savino e Rosaria Lo Russo, Patrizia Vicinelli in un assaggio del documentario di Daniela Rossi, John Giorno nei suoi Nine poems in Basilicata già presentati integralmente durante la scorsa edizione, e le visionarie clip di Antonio Poce (Nuvolari), Giacomo Verde (Tokio cut Up) e Sparajurij Lab (Questo è un appunto importante). A seguire, Lello Voce e Luigi Nacci, quest’anno appaiati nella titanica impresa di guidare gli spettatori fra le mille suggestioni di poesia, musica e spoken word che fanno l’anima di Absolute Poetry, hanno introdotto il lavoro di Michele Cinque, giovanissimo regista romano che nel suo Lavoro Liquido ci ha portato per mano esattamente al cuore del tema di quest’anno, il lavoro. Le sue riprese hanno documentato lo spettacolo che ha visto poeti, musicisti, scrittori riuniti al Link di Bologna nel 2006 per lo spettacolo realizzato da Luigi Cinque per il Multimedia Labor Festival.

JPEG - 223.4 Kb

Lello Voce, Nanni Balestrini, Antonello Salis, Aldo Nove, Lucilla Galeazzi, Elisa Biagini, Raiz sono solo alcune delle voci che hanno raccontato il lavoro sul palco e davanti alla camera del regista, insieme a uomini e donne che sulla propria pelle vivono l’esperienza del precariato. Un pugno nello stomaco per entrare da subito nel vivo, un’anticipazione delle tante suggestioni a venire, a partire da oggi, e per tutta la settimana.

Portfolio

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)