Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Mi sveglio e faccio finta

Mi sveglio e faccio finta

Ritrovato il Moleskine di un giovane autore romano

Articolo postato lunedì 2 luglio 2007

Tratto da quel covo di geniacci irriverenti di Cabaret Bisanzio. Per la precisione qui.

Mi sveglio e faccio finta

di Rainer Maria Allegati

Ritrovato il Moleskine di un giovane autore romano
Il giorno 21 Marzo, in località Casa delle Letterature, zona Piazza dell’Orologio (Roma), è stato rinvenuto un taccuino nero di taglia media tipo Moleskine, quello mitico di Hemingway Chatwin eccetera. Il taccuino non reca uno straccio di indirizzo leggibile sul frontespizio, ma dal contenuto riteniamo si possa trattare dell’agenda/diario di un giovane scrittore emergente del quale vi forniamo anche un sommario identikit.

radicalNe pubblichiamo un estratto. Chi vi si riconoscesse è pregato di contattare il Cabaret Bisanzio, chiedendo del professor Rainer Maria Allegàti (rainermariallegati@cabaretbisanzio.com).

Ore 12.00
Svegliato in appartamentino appena comprato da papà qui al Pigneto (1), posaceneri pieni, pila di piatti da lavare, già gran casino e disordine. Accusato forte senso di stanchezza. Postumi di sbronza ieri sera. Riflettuto sul fatto che questo mal di testa e senso di stanchezza può essere materiale per un racconto. Post it: buttare spazzatura con più regolarità. Fatte due citazioni tra me e me.
Ore 12:05 – 12:10
Denti, vestito. Rapida occhiata allo specchio. Buoni propositi: smettere di bere, smettere di fumare, smettere playstation.
Ore 12:15
Colazione al baretto sotto casa, tramezzino col tonno, spremuta d’arancia, poi cappuccio e sigaretta. Fanculo ai buoni propositi. Guardati con curiosità i passanti e la gente che va a lavorare in questo periodo di grande precarietà.
Idea per una fiction: una donna col culone tornando dal lavoro s’innamora del commesso maghrebino del market e scopre che nella diversità c’è tanta bellezza.
Forse l’idea è buona ma troppo generica. Ci vorrebbe qualcosa di più… mi verrà.
Lettura di Repubblica e Manifesto.
Ore 13:30
Pranzo da mamma, “ritorno nel vecchio quartiere”, l’odiata Prati.(2)
Dopo pranzo, lettura digestiva di alcune pagine del mitico Foster Wallace e pisolino.
Ore 15:30
Svegliato da mamma con caffè sul divano.
Tornato al Pigneto. Giro e ricognizione sui siti e blog letterari/blog multiautore (Nazione Indiana, Il primo amore, Vibrissebolletino, Lipperatura, iQuindici, Cabaret Bisanzio). Verificati i commenti all’ultimo pezzo: zero. Rosikata.
Abbozzata scrittura nuovo pezzo per blog letterario. Senso di disagio esistenziale. Abbozzata scrittura recensione per libro di amico. Dilemma: onestà intellettuale (il libro è una merda) giocandomi le vacanze a Capalbio in casa dell’amico, o marchetta affettuosa per amicizia? L’amicizia prima di tutto.
Riflessione: tutto ciò può essere argomento per un pezzo sul blog multiautore? No, decisamente no.
Ore 16:00
Telefonato all’editore, convenevoli. Fatte dodici citazioni.
Ore 16:30
Uscito di casa. Andato in redazione di rivista. Redazione deserta. Accusato forte mal di testa. Il fatto di accusare un forte mal di testa potrebbe essere l’asse portante di un nuovo racconto/romanzo/docufilm. Due citazioni al volo.
Ore 19:00.
Appuntamento da Feltrinelli con amico abbastanza ragguardevole (alle soglie della seconda raccolta di racconti). Ragionamento su Moravia/Pasolini/Sciascia e l’impegno in letteratura. Constatazione: dalla morte di Pasolini non c’è più stato nessuno.
Discussione sulle ultime uscite/polemiche letterarie.
Rubata una copia di Nuovi Argomenti.
Stroncato decisamente l’ultimo libro di Moccia. Conversazione con amico al (quasi) secondo libro:
“L’hai letto?”
“E’ unammerda…” (posando il libro sulla pila).
“Secondo me è stato il suo ufficio stampa a tajà i lucchetti a Ponte Milvio…”
“Fiiico!”
Ore 19:20
Indecisione su aperitivi disponibili. Scelta dura. Ballottaggio tra Lutèce e Freni&Frizioni. (3)
Ore 19:30
Alla fine Lutèce. Avviato all’aperitivo con amico. Consumato un bicchiere di traminer, io e autore al (quasi) secondo libro mangiato come la Democrazia Cristiana. Fatte alcune citazioni accattivanti. Congedato il (quasi) bi-autore, detto (mentito) che devevo finire pezzo per Nazione Indiana. Autonalisi: sono un po’ invidioso perché lui è quasi al secondo libro, io che fino a un po’ di tempo fa mi sentivo molto superiore, sono in alto mare col romanzo, non scrivo per niente.
Ore 20:00
Appuntamento a Campo de’ Fiori con amica. Quell’amica. L’ho sempre desiderata, e lei lo sa, ma non me l’ha mai mollata. Finto amicizia e disinteresse. Fatte sei citazioni. Speranza: forse dopo uscita prossimi racconti per Minimum Fax le cose cambieranno e me la molla.
Ore 21:00
Cena a Trastevere con amica (quell’amica). Fatte quattro citazioni. Sentito molto più intelligente di lei. Vantato di “non avere la più pallida idea di chi è Milo del Grande Fratello”, dichiarato di “non guardare la tv da anni”.
Riflessione: il fatto di accusare un forte scoglionamento, di non sapere chi sia Milo del GF e di non guardare la tv potrebbero essere in correlazione? Comunque tutto questo è ottimo materiale per un racconto.
Accennato al romanzo che sto scrivendo. L’amica (quell’amica) mi ha chiesto di che parla. Risposto evasivo: “di me…”
In seguito, lezioncina all’amica su Carver (non sembrava molto interessata).
Ore 22:30
Cinema d’essai con amico un po’ meno valido (è alle soglie del primo libro). Indecisione: Kaurismaki o Bergman? Alla fine Bergman. Non si reggono ‘sti giapponesi.
Ore 1:00
Rincasato. Giro sui blog. Verificati i commenti al pezzo: zero, ad ogni modo troppo stanco per rispondere. Siti porno. Pippa sostitutiva di mancanza d’affetto. Tra me e me, sottovoce: una citazione.
Ore 1:30
Accarezzata per un istante l’idea di andare al Rialto. Rinunciato subito all’idea di andare al Rialto.(4)
Ore 2:00
Lettura conciliante di grosso tomo sconosciuto di scrittore minore consigliato da Emanuele Trevi.
Ore 2:03
Citazione della buonanotte: “Credo di essere l’unico scrittore che si è addormentato leggendo se stesso.”(5)
Buonanotte, artista incompreso.

1. Quartiere di Roma un tempo popolare, oggi abitato da artisti, cinematografari studenti universitari giovani scrittori e altri fancazzisti.
2. Quartiere bene di Roma, in pieno centro.
3. Frequentatissimi cocktail/wine bar in centro. Freni&Frizioni è a Trastevere, Lutéce zona Piazza Navona.
4. Centro sociale modaiolo dietro Largo Argentina.
5. Non forniamo la fonte della citazione perché come disse **** “Bisogna sempre citare senza citare mai la fonte”.


3 commenti a questo articolo

Mi sveglio e faccio finta
2007-07-19 11:39:35|di lorenzo

piuttosto divertente :) ma chi l’ha scritto?

lorenzo


Mi sveglio e faccio finta
2007-07-05 18:50:30|di molesini

Poveri noi.
Vabbé che anche Pavese sul suo diario non faceva sempre spuntare gemme ( e così tuttinoi) , ma è chiaro che qui siamo sulla superficie dell’ombra della coda dell’atomo.
Dite che è una condizione?
Bé, io mi dissocio.

p.s. si allargano les horizons: adezzo conosciamo Cabaret Bisanziò, rimasti, hélas, ai Voltaire.


Mi sveglio e faccio finta
2007-07-03 15:16:02|di Christian Sinicco

Direi che il materiale è ottimo per il convegno dei dentisti dantisti:-)


Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)