Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco

Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco

prefazione e cura di Costanza Ferrini, Mesogea, Messina, 2003, pp. 132 + CD, Euro 14,90, ISBN 88-469-2032-5

Articolo postato giovedì 11 gennaio 2007
da Christian Sinicco

Moncef Ghachem, tunisino, nato a Mahdia nel 1946, presenta Dalle sponde del mare bianco (Mesogea, 2003), scelta di versi in arabo e in francese tradotti in italiano, accompagnati da un cd musicale dove il gruppo Dounia esegue i testi del poeta (su Fucine Mute potete ascoltare i due brani citati in questo articolo, tratti dal cd, allegati all’intervista realizzata assieme ad Ambra Zorat); lo stesso Ghachem, un ottimo performer, incalza con la voce le musiche realizzate dalla formazione siciliana, esperta nell’attraversare gli ambiti tradizionali della musica mondiale. Ed è il caso di “Scrivo”, dove Ghachem scandisce, attraverso un battito ininterrotto, tutta la forza del suo impegno umano e civile per una presa di coscienza dello stato dei paesi poveri. Aspra risuona la denuncia nei confronti di chi è dedito a un certo tipo di commercio: “Scrivo con la tirannia delle miserie/ scrivo con le mie processioni di poeta errante/ scrivo con i maggesi arsi della terra/ scrivo e la collera gronda [...] scrivo con cento miliardi di proiettili da lanciare/ nel cervello delle menzogne le gambe dei ladri/ la cerchia dei pettegoli la borsa dei guerrieri/ il calcolo degli imbecilli sulla scala delle grandezze [...] la lotta le bombe le raffiche gli esplosivi/ l’oro il petrolio il sahara i traffici”.
Il ritmo costruisce la vitalità, è onda. In altri testi il poeta si nutre dolcemente dell’antica tradizione marinara, fatta di scambi culturali: Ghachem proviene da una famiglia di pescatori, e molti dei suoi parenti lavorano a Mazara del Vallo; le sue descrizioni ricreano un’atmosfera trasparente, brillante, che scruta il mare. Il suo è soprattutto un canto d’amore verso gli uomini e il mondo: “A chi ha posseduto il mio cuore/ A chi ho sempre desiderato [...] Chi è la mia alba e il mio tramonto/ La mia terra e il mio cielo / Con il mio amore tutto questo proteggo [...] Non potrei mai scordare/Non potrei mai stare un giorno senza vedere// lasciarsi prendere, impazzire gioire/ sperare, dal canto”.

5 commenti a questo articolo

Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco
2009-08-07 22:43:53|

ho assistito alla performance di moncef con i dounia qui ad asti gia parecchi anni fa.
è stato memorabile ed ho acquistato anche il cd.l’ho fatto sentire a tanti amici, ho pure fatto una lezione in francese con i testi delle canzoni,....
mi resta un sogno: vedere un giorno mahdia....
sil


Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco
2008-08-23 19:01:50|di giusto misiano

Di questo Mare Bianco farò perle di lotta ed insieme a Moncef Ghachem potrò spezzare e dividere il pane il vino dell’amicizia.Penso ai poeti mai arrivati sull’isola di lampedusa rammarico per aver perduto il sorriso il ritmo di semplicità.Perdonaci Moncef se come ladricolonialisti abbiamo saccheggiato la tua Terra la tua Africa e non avervi considerati POETI di grande Umanità


Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco
2008-08-23 14:11:47|di halloweencostume

halloween costumes | halloween costume


> Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco
2007-01-12 14:37:49|di Christian

Vero no?

:-)


> Moncef Ghachem, Dalle sponde del mare bianco
2007-01-11 15:51:49|di Lello Voce

MINCHIA CHE BELLO!
Forza, ritmo e respiro. La poesia diventa un esercizio fisico e sentimentale, rabbia e parole scandite, diaframma su e giù, mentre la musica entra ed esce. I testi sono sempre sospesi a un pelo dal ciglio della retorica e non cascano. MAI

CHAPEAU; MAITRE MONCEF!

lello


Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)