Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce

Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce

Un’anticipazione dal dual disc in libreria a fine settembre

Articolo postato mercoledì 1 ottobre 2008
da Lello Voce

L’esercizio della lingua , scelta antologica di tutta la mia produzione poetica che comprende anche i testi della nuova raccolta, sarà in libreria a fine settembre per i tipi de Le Lettere di Firenze e con il Patrocinio morale della Fondazione Fabrizio De Andrè - ONLUS , nella collana Fuori Formato, diretta da Andrea Cortellessa.
Ad accompagnare il libro ci sarà un Dual Disc che nella sua parte audio conterrà il mio nuovo disco di poesia, Piccola cucina Cannibale , con le musiche di Paolo Fresu, Michael Gross e Frank Nemola.
Il lato DVD contiene invece i video originali di Giacomo Verde e Robert Rebotti, e una serie di materiali audio-video d’archivio.
L’immagine di copertina, che è anche il logo di questo post, è un particolare di un’opera di Silvio Merlino, l’inventore delle Farfalle da combattimento.

Offro qui un’anticipazione del CD Audio, Il verbo essere , in cui la voce di Voce è accompagnata dall’inconfondibile, fantastica fisarmonica del grande Antonello Salis.

Aggiornamento 1: Cogliendo il destro dai temi del dibattito sul rapporto tra poesia e musica dei commenti, offro qui anche il saggio musicologico di Stefano La Via dedicato al ’Lai lento’.
Il brano non è lo stesso di cui si discute, ma La Via rende chiaro, meglio di me certamente, i rapporti che si stabiliscono tra poesia e musica nel mio lavoro.

lv

Il verbo essere

sono un osso innamorato un fosso strozzato un non posso
come la posa del caffè sul fondo della tazzina sono morfina
polverina scintillante sono una mosca che ronza e non si posa
sono il contrario di un io sono mio mi uccido da me da
solo come un trovarsi un ruolo o lo scolo dell’acqua da
stoviglie sporche come le ciglia sono un fegato infetto il
volo di un insetto il setto deviato che non sente odore sono
un dolore tra le costole un amore vicendevole sono un
muscolo adulterato un ircocervo narcotizzato un fiato uno iato)

e tu che pensi che queste mie parole siano chiare come un fare dimmi
se sei proprio sicura di capire
e tu che confondi semplicità e trasparenza voglia e indecenza dimmi
se senza parole non sembra di morire:

ero carne giovane nervi vivi ero tutto ciò che ancora scrivi il
fruscio del sole e gli ulivi liquidi quanto il mare come vapori
di benzina e automobili aggressivi o braccia e cosce da
bucare con amore da carezzare e scoprire ero quello seduto
di lato il più silenzioso e quello ciarliero ero tutto ciò che
già sono ero un suono acuto tra lingua e palato un amore
rivoluzionario un diario un fischio un botto un terno al lotto
ero futuro colmo di passato un mozzafiato ero la vittima
della storia ero gli anni di piombo e lo sguardo attonito sullo
strapiombo la morte nera il corpo di cera la sconfitta la ciminiera)

e tu che pensi che queste mie parole siano chiare come un fare dimmi
se sei proprio sicura di capire
e tu che confondi semplicità e trasparenza voglia e indecenza dimmi
se senza parole non sembra di morire:

sarò mio padre che ritorna sarò la sua vecchiaia e il primo per la
la mannaia sarò il pentimento del futuro l’ultimo muro senza più
cocci sarò la punta aguzza della fine una vita fatta strame e tumore
pietra aspra della lingua sarò il fiato che manca la memoria stanca
di guevara la mano avara la mandorla amara che avvelena e la lena
sarò figlio di mio figlio sarà lui a trascinarmi per l’ultimo miglio a
gridare l’ultimo grido a calcolare lo sfrido tra morte e sogno sarò
l’eco del suo dolore il salto acrobatico e l’abisso che lo contiene il
tempo che viene e che non passa più sarò solo un però un subisso
di vocali senza più consonanti sarò in piedi a occhi aperti gambe
larghe sarò di spalle supino in ginocchio sarò vivo come quando scrivo)

e tu che pensi che queste mie parole siano chiare come un fare dimmi
se sei proprio sicura di capire
e tu che confondi semplicità e trasparenza voglia e indecenza dimmi
se senza parole non sembra di morire:

Il verbo essere (7’ 33")
(Voce - Nemola)
Lello Voce – spoken word
Antonello Salis - fisarmonica
Frank Nemola – elettronica
Registrato e mixato a Bologna – LittleBird Street Studios – 2007 / 08

L’esercizio della lingua Le Lettere, Firenze, 2008 €. 28,00

Puoi acquistarlo on line con lo sconto del 15% cliccando qui

Il Verbo essere -
COPYLEFT
Testo: Lello Voce
Musica: Frank Nemola
IMG/mp3/Il_verbo_essere.mp3

37 commenti a questo articolo

Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-13 16:22:09|di giusto misiano

A Ciprio da parte di Vladimir Majakovskij === Bisogna strappare la gioia ai giorni futuri. In questa vita non è difficile morire. Vivere è di gran lunga piú difficile...Perchè aumentare il numero dei suicidî ? Meglio accrescere la produzione d’inchiostro!


Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-13 11:59:26|

La noia è per i grandi poeti (la citava un certo Baudelaire). Non è fatta per i mediocri...
M’intenerisce il tuo smodato ottimismo, capace di farti credere (o meglio illudere) di essere un poeta tale da essere invidiato....
Mah.
Passo e chiudo.
c.


Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-13 11:52:58|di Lello Voce

Divertire qualcuno è un’arte divina, ciprio caro. La livida invidia, invece, la serpentina malafede, è il peso che impedisce al mondo di sognare. Vedi un po’ tu...

senza rancore, ma - diciamo la verità - con un pizzico di noia

Lello Voce


Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-13 11:45:27|di ciprio

Caro Lello Alighieri,
come potrebbe darmi fastidio?
Cartesio ha scritto: "Ex nihilo nihil fit" (te lo traduco, non si sa mai: "dal nulla non nasce nulla"...).
Quello che mi diverte è il fatto che tu sia proprio convinto di aver qualcosa da dire...

Senza rancore,naturalmente
c.


Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-12 19:05:56|di Lello Voce

Ciprio,

i critici non so, nemmeno il mondo della poesia. Quello che è certo, dal tono del tuo intervento, è che a te la cosa dà fastidio.

Una ragione in più per averla fatta!

Cordialmente,

lv


Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-12 11:08:09|di ciprio

Grandissimo Lello Voce! Il mondo della poesia aspettava trepidante questo suo nuovo contributo... Nell’attesa, tutti i critici avevano smesso di dormire la notte...


Piccola Cucina Cannibale - Il nuovo CD di Lello Voce
2008-09-10 22:25:12|di maria

w voce! finalmente, alé...
meraviglia l’opera di silvio merlino.


Commenti precedenti:
< 1 | 2 | 3 | 4

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)