Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Tre poesie di Domenico Brancale

Tre poesie di Domenico Brancale

Articolo postato martedì 15 novembre 2005
da Adriano Padua

Domenico Brancale è nato in Lucania nel 1976. Ha pubblicato alcune raccolte di poesia, "Cani e porci" (2001), "O jacc di ‘ll uòcchie" (2002) e "Canti affilati" (2003). Ha curato il libro "Cristina Campo: in immagini e parole" (2002), e collaborato alla prima traduzione in tedesco delle poesie di Albino Pierro, "Messer in der sonne" (2003). È uno dei fondatori del libro-rivista "‘a camàsce". Ha scritto di lui John Giorno: “Domenico sings / the bejewelled dialects / of Basilicata. / His pure voice opened my eyes / to the calanchi wisdom / of Lucania. / A crack revealing empty / primordial mind.”

Dovresti vedere
che cosa ho nello stomaco
I graffi delle strida
di quando ci mangiavamo
con gli occhi la terra
Non assomigliavo a me
Pure il volo di un falco
volevo essere
Pure una fucilata
piantata dentro al cuore
Da una parte c’è la vita
Dall’altra la morte.

M’avisse a vedé
che tenga nd’u stòmmeche
O raske d’o strìseme
Di quanne ‘n màngiamme
‘ppi ll’uozzie ‘a terre
Non’assemmèzieje a mmi
Pure u vule di nu cristarielle
vulìa jesse
Pure na skuppettàte
zìantate daint’u core
Nda na parte ‘ngè a vita
Nda n’ate ‘a morte.

*****

Qua e pure là
sono tutti usciti pazzi
E chi lo sa
se pure io una mattina
mi sveglio con la luna storta
e poi me la rompo, la testa
contro uno specchio di luce.

Qua e pure a’llà
so tutte i’ssute pacce
E chi lu sàpe
si pure i na matine
mi gauzère ‘ppa lune storte
e po’ m’a ruppère ‘a cape
‘mbacce a nu spezzie di luce.

Da “Cani e porci”, Ripostes, 2001

Solo una tra queste parole
conficcate nella terra
ha i segni dell’agave
forse deve essere perché
ha la foia di spaccare i pensieri
sull’orlo della lingua

Guna ndutte mmienz’ a ’ssi parole
mburchiàte nd’ ’a terre
téne o segne d’u scannaciucce
mbàreche add’ ’a i’esse picché
tèn’ ’a mònde di jaccà o pinzière
mbìzz’ ’a lenga

Da “Canti affilati”, Masoero, 2003

11 commenti a questo articolo

> Tre poesie di Domenico Brancale
2005-11-15 08:12:43|di Christian Sinicco

Precisione e forza. Really good!


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)