Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > da "Fondaco" di Gianni Bertossi

da "Fondaco" di Gianni Bertossi

La nervatura delle immagini del giovane poeta di Villa Vicentina (Udine).

Articolo postato giovedì 22 febbraio 2007
da Christian Sinicco

Prospettive

L’occhio è privo di suono nel suo intero diametro
perduto se troppo cinetico, consiglia la profondità nelle geometrie
spalancando le mani semina i criteri della visione e attende le messi

ogni linea intesse plessi su uno o più piani
perforando o meno la fodera dell’orizzonte
come dita stese a invocare le ragioni dei santi,

archi ed angoli sottendono alle pietre di precipizi immensurabili
dal cui baratro soffia l’eco dei cantieri dei mondi,

sfere e cubi stendono le campiture di corpi informi
il resto alla tonalità cromatica degli infinitesimali frammenti

quando le cattedrali sfuggirono ai magli della prospettiva
l’orizzonte conferì in consiglio con l’adunanza delle visioni
ed il solido riprese a scorrere perfettamente lungo i punti di fuga
con proiezioni di ombre sistemate nelle esatte coordinate

se i pendii piegassero con curvature di gravità ignote
come il profilo di sagome adagiate su pareti indecifrabili,
dall’atmosfera giungerebbero le legioni dei luoghi già visti
e ripercorrendo il filo del tempo ricomporrebbero gli incastri
assopendo con immaginarie armonie lo schianto del vero occhio.

Ogni linea poggia su uno o più piani
archi ed angoli sottendono alle pietre di sconfinati precipizi
sfere e cubi stendono le campiture delle forme
ciò che avanza rincorre le pareti

versa ogni solido negli irridescenti serbatoi delle simmetrie
sollevati una volta muovono lentamente e splendono
nella buia assenza del suono.



Proporzioni

Garantite dai criteri di proporzione tra

il balzo dell’occhio ed il peso del seme posto sul palmo della mano

come legacci avvolti con coscienza ai macigni

esposti alle vertigini, luoghi matematici e rigorghi di materia

colano lo smalto su ceramiche immense, i cui atomi

scorrono in oceani di occhi

lungo i cui profili

incendiano le piramidi dei numeri

- gradienti stabiliti come leggi

l’alto contro il basso

il giorno opposto alla notte

il davanti separato dal dietro

il prima sommato al dopo

il conosciuto sottratto al non conosciuto,

i criteri di proporzione determinano ciò che siamo

i pesi ed i contrappesi di noi guidati ai confini

come neve sollevata alle pareti curve di una sfera.



Fondaco

Ogni luogo troverà la travatura della propria immagine
sui pavimenti di questa officina

come la traiettoria precipita nel fuso incandescente degli acciai
leghe di masse d’aria e metalli hanno già forgiato il volano della visione
- meccanismi di luce,
nubi di ferro evaporato assieme alla radiazione svelano profondità
legnosi ingranaggi spremono oli -
dalle roventi pulegge, logica al calore bianco su stampi di labbra

ogni icona troverà pesi e misure nel fondaco di questa industria:
metri cubi di profondità
imballati come fieno,
linee prospettiche in mazzi
sulle pareti, divise
ombre stese, in ordinati filari
stoffe al sole

seguendo la sincronia del martello sull’incudine
incessantemente, la nervatura delle immagini - meccanismi di proliferazione,
norme indiscutibili - elementi
lo sgomento eclissato; sulla pelle marina il riverbero d’elio divampa movimenti circolari

l’eco di una sfera è come racchiuso, calibrato;
la frescura diluita nella rugiada
luoghi non esposti che rivelano
lo spazio distribuito tra solchi, terra rimossa
le memorie stesse disperdono gli accadimenti
il nodo irrisolto delle stelle
il suono d’acciaio che separa la notte dal diapason,

nessuna immagine verrà privata dal suo perfetto



Gianni Bertossi abita tra Villa Vicentina e Trieste. Nella sua giovinezza, che perdura, ha scritto poesie, satire e parodie. I testi proposti sono stati estrapolati da "Fondaco", la sua raccolta inedita. La sua e-mail è giannibertossi@yahoo.it.

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)