Poesia
 
 
Home page > Poesia

di Federico Scaramuccia

Articolo postato mercoledì 20 aprile 2011
Ivan Schiavone, Strutture (2004-2006), postfazione di Cecilia Bello Minciacchi, Salerno/Milano, Oèdipus, 2011 (pp. 104 - € 12,00). «Pur apparendo dopo Enuegz, dunque come secondo libro, STRUTTURE è a tutti gli effetti l’opera d’esordio di Ivan Schiavone. Costruito tra il 2004 e il 2006, dichiara in limine il suo processo strutturale: un congegno esatto, inflessibile, organizzato con disciplina ferrea e distanza critica metapoetica. Nel nitore del congegno i testi elaborano una materia calda, (...)
2 commenti

viste e ascoltate da Jennifer Scappettone

Articolo postato sabato 16 aprile 2011
Milli Graffi è nata a Milano nel 1940. Negli anni Sessanta partecipa ai maggiori festival europei di poesia sonora; tra le composizioni pubblicate: Salnitro; Farfallaronzar; Tralci. È stata professore a contratto presso l’Università di Verona e l’Accademia Carrara di Bergamo. Dirige «Il Verri». Di poesia, ha pubblicato: Mille graffi e venti poesie (Geiger, 1979); Fragili Film (Nuovi Autori, 1987); L’amore meccanico (Anterem, 1994); Embargo voice (Bibliopolis, 2006). Come critico militante (...)

Milli Graffi: 3 poems from Embargo Voice from oi. kost on Vimeo.

1 commenti

di Marco Simonelli

Articolo postato mercoledì 13 aprile 2011
Funghi Li ho visti stamattina sul sentiero. Le teste calve pulite come carta sono sbucate dalla terra alzandosi come sonde intorno ai miei piedi, capsule smaniose di superare il confine buio della nascita per unirsi finalmente con la luce. Il nome di carne sottile, fungo, di muschio e d’humus, mi punta come se avesse qualcosa da dire come se pure lui potesse farsi stuzzicare e brandire dalla lingua, farsi ribaltare per mostrare un tesoro di lamelle nascoste sotto il (...)
2 commenti

di Lidia Riviello

Articolo postato lunedì 4 aprile 2011
Matteo Lefèvre Intermundia Viscosità (o barrito?) al valico tra i gangli intradermici mondani cordami alle caviglie (si svolgono?) tra vigilia e fanghiglia. * Sordità (o ottundimento?) ovatta sulla soglia nei padiglioni (e il barrito?) isolante penetra poi la tenebra il limite. * Imbottisce l’inessere gommapiuma? premuta stordisce le fattezze poroso l’etere sfuma le resistenze ultime già lisce dell’essere. * Rigogliosa inessenza di barrito e (...)
0 commenti

“Figli degli anni 80”, n. 4 - di Valerio Cuccaroni

Articolo postato sabato 2 aprile 2011
La quarta uscita della Collana “Figli degli anni 80” è dedicata a un discepolo della Patafisica, a un amico delle sedie, a un leccatore di mattonelle. Sarebbe ridicolo fingere distanza critica parlando di quest’anima gemella, con la quale ingurgitammo decine di aperitivi notturni, dialogando in bilico nella stanza sghemba. Lui il quadrato, io il cerchio, nei mondi paralleli di Flatlandia, in quel di Bologna. Carla Benedetti invoca giustamente Disumane lettere per comprendere questo nostro (...)
1 commenti
Articoli precedenti:
... | < 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 |> |...