Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Poetry Slam di San Giuliano Terme (PI)

Poetry Slam di San Giuliano Terme (PI)

4 settembre 2005

Articolo postato giovedì 11 agosto 2005
da Lello Voce

Partecipano:

Tommaso Lisa
Rosaria Lo Russo
Giovanna Marmo
Stefano Raspini
Simone Savogin
Sparajurij Lab.
Sara Ventroni
Tommaso Novi
Ospite d’onore: Tiziano Scarpa
EmCee: Lello Voce
Premio €.300
San Giuliano Terme,
Cava Nord Est
ore 21,00

2 commenti a questo articolo

> Poetry Slam di San Giuliano Terme (PI)
2006-11-03 15:25:15|di curiosone

ma chi ha vinto????


> Poetry Slam di San Giuliano Terme (PI)
2005-09-06 18:49:57|

viva i sognetti
abbasso i sonetti

prima di fare la guerra
prendete la bucherellata amante
e inseminatela poi con il fuoriuscito magma
cerettate il sesto ramo di santa pazienza
ricevete in dono dalle meste nuvole un saggio sulle spiagge contaminate dal volo tenue oltre i confini di nostra stanza tascabile
sempre dovuta alla fine del tempo involuto

prima di fare la guerra
capitate scalzi sopra tutti i chiodi defraudati in cima alla montagna sciolta con l’acqua in netta pendenza e la criniera persa nei rovi dell’infanzia targata misfatto quello di stamparvi troppo bene il culo della poltrona amorosa

prima di fare la guerra
accartocciate l’enfasi di morire per la patrigna PatriaMadre a pera ancestrata nel sottoinsieme delle cose
sta’ li’ a chiedere l’elemosina all’amore desiderato la mattina
come un uovo alla coque
un bacio perlinato
un tornio ubbidiente
raffinato
che fabbrica mogli con l’utero salvadanaio per i bambini morti nel lampo del genio tuonato verso la formula che salva il mondo dalla chimica indovina

prima di fare la guerra
mordete i calcagni del mattino per vedere se vuol essere ancora vivo se vuol chinare la schiena e vedere chi ha ragione chi dice la verita’ chi mastica il rumore delle formiche sbudellate dal cuoio fresco e cazzuto fatto con le potenti fibre nervose che sulla testa scorrono in cerchio e formano anelli di catena inossidabile

prima di fare una guerra
fatevi una sega poi un’altra poi un’altra ancora solo dopo inseguite una donna in fin di vita e svuotatele addosso il secchio della paura fatta di mais e vangelo rabbia ed emisfero guasto
localizzate il punto dove vi fa’ male
e
sara’ banale
verro’ con la falce dell’alba a targliarvi la barba a toglervi i soldi
perche’ vi facciate del male col clistere perche’ il cemento che vi sopporta vi si incingoli sopra la visiera per confondervi il suono non dico il film del Bene che proiettate

prima di fare la guerra
uscite in orbita dal mondo e vedetevi piccini ma cosi’ piccini che l’alto vi sembrera’ la base dell’infinito e il basso il filo che vi porta l’invito a disperare di pensare di stare sempre meglio
senza ostacoli
altrimenti i cancelli che piu’ crescete piu’ cresce chi li scavalchera’

prima di fare la guerra provatela su voi stendetevi sopra la bomba intelligente e leggete Proust.....

wiwa lo slam
eneavirgiliostefano raspini


Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)