Tradurre poesia

di Massimo Rizzante

Massimo Rizzante (1963) è poeta, saggista e traduttore. Ha fatto parte dal 1992 al 1997 del Seminario sul Romanzo Europeo diretto da Milan Kundera.
Dal 1993 al 1996 è stato redattore della rivista letteraria Baldus. Dal 1994 è redattore della rivista L’Atelier du roman. Nel 1999 ha pubblicato la raccolta di poesie Lettere d’amore e altre rovine, Biblioteca cominiana. Dal 2004 dirige la collana Biblioteca di poesia, Il Metauro. Nel 2005 ha tradotto Il sipario di Milan Kundera, Adelphi. Nel 2007 è uscito il saggio L’albero, Marsilio e ha pubblciato la seconda raccolta poetica, Nessuno, Manni. Nel 2008 ha tradotto Un incontro di Milan Kundera, Adelphi e curato l’antologia poetica di O. V. de L. Milosz, Sinfonia di novembre e altre poesie, Adelphi. Nel 2009 è uscito il saggio Non siamo gli ultimi, Effigie. Nel 2010 ha curato la raccolta poetica di M. Crnjanski, Lamento per Belgrado, Ponte del Sale e ha pubblicato la novella Ricordi della natura umana, La Camera Verde.
Ha curato una nuova edizione dei "Sonnambuli" di H. Broch, Mimesis, 2010.
Insegna all’Università di Trento.

 
Home page > I blog d’autore > Tradurre poesia
Articolo postato venerdì 19 novembre 2010
Los detectives Soñé con detectives perdidos en la ciudad oscura. Oí sus gemidos, sus náuseas, la delicadeza De sus fugas. Soñé con dos pintores que aún no tenían 40 años cuando Colón Descubrió America. (Un clásico, intemporal, el otro Moderno siempre, Como la mierda). Soñé con una huella luminosa, La senda de las serpientes Recorrida una y otra vez Por detectives Absolutamente desesperados. Soñé con un caso difícil, Vi los pasillos llenos de policías, Vi los cuestionarios que nadie (...)
4 commenti
Articolo postato martedì 12 ottobre 2010
da Punto vulnerabile Quattordici poesie della giovinezza Vulnerable Point Fourteen Poems of Youth traduzione di Massimo Rizzante I did not want eternity, I only begged for time Non ho desiderato l’eternità, ho solo chiesto tempo Demetrios Capetanakis Lotus-Tree and Lotus You are the mystic tree That brought me up In the middle of cruel February. The tree that fed me With the innocent milk Of yesteryear. You are the Lotus-tree And I am the Lotus Who ripens slowly But (...)
0 commenti

Dialogo - Sulla poesia

Articolo postato sabato 11 settembre 2010
Massimo Rizzante: A causa del tema principale de La vita è altrove ti sei fatto una fama di nemico della poesia. Eppure tu stesso in passato hai scritto alcune raccolte di versi e mi hai sempre parlato con amore dei poeti cechi Nezval, Holan e del tuo amico Skácel. Qualche tempo fa ci era venuta l’idea un po’ folle di mettere insieme una sorta di Antologia dei poeti dimenticati del XX secolo. Mi ricordo che in quell’occasione mi hai fatto scoprire Oscar V. de L. Milosz, un poeta (...)
0 commenti
Articolo postato martedì 17 agosto 2010
Questions à un traducteur* Quelles sont les raisons qui vous ont fait choisir Milosz ? Parlons de chronologie tout d’abord ! Sinfonia di novembre e altre poesie est sorti en Italie, en 2008. Début 2007, mon travail de traduction a commencé. Il a duré environ un an. Au printemps 2006, à Paris, j’ai rencontré, chez lui, Milan Kundera. Il était en train de rassembler les matériaux de son dernier essai, Une rencontre, que je devais traduire en italien et qui devait être publié en 2008. Comme (...)
2 commenti
Articolo postato giovedì 15 luglio 2010
Novembre 1996. Novi Sad, Vojvodina. Hotel Casino Putnik. Uno sparuto manipolo di intellettuali infreddoliti entra nella hall. Fra loro alcuni “occidentali”. Si terrà un simposio per ricordare l’opera di Danilo Kiš, l’ultimo scrittore jugoslavo, morto a Parigi nel 1989. L’atmosfera è pesante. Venendo in auto da Belgrado, mi ha impressionato la quantità di vagoni abbandonati nelle campagne. Ruderi, forse, di una civiltà che ha fatto il suo tempo. Chiedo spiegazioni al mio autista – in realtà un (...)
0 commenti
Articoli precedenti:
< 1 | 2 | 3