Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

 
 
Home page > e-Zine

note per un’arte cartografica

Articolo postato lunedì 8 agosto 2005
da Alessandro Raveggi
Alessandro Raveggi Pestilenziario. Brevi note per un’arte cartografica. La letteratura è, per essenza, la soggettività di una società in una rivoluzione permanente. (J. -P. Sartre) Come il Giudizio Universale, anche la poesia ci trasforma, trasfigurandoci senza cambiarci. (Jean Paul) Faceva domande per sapere e per ridere, come fai tu, lettore... (D. Diderot, Jacques le fataliste et son maître) [queste note usciranno nel prossimo numero di "Re:" - ZONA, Arezzo settembre 2005 a cura di (...)
0 commenti

Un poetry-clip e un video [con Caetano] del co-fondatore dei Noigandres

Articolo postato domenica 7 agosto 2005
da Lello Voce
La poesia può esprimersi attraverso media molteplici, non soltanto attraverso la scrittura. Anzi spesso capita che un singolo autore pratichi più media. E’ il caso di Augusto de Campos, uno dei maggiori poeti brasiliani viventi, fondatore dei Noigandres, sperimentatore del multimedia, ma anche raffinatissimo traduttore (dall’italiano, dal tedesco, dall’inglese, dallo spagnolo), studioso della tradizione provenzale, di Hopkins e di Joyce. Vi offro qui due esempi a mio parere eccezionali: un suo (...)
0 commenti

di Erminia Passannanti

Articolo postato domenica 7 agosto 2005
da Erminia Passannanti
Nel panorama della letteratura italiana otto-novecentesca, un’attenzione alla problematica dell’identita’ mascherata e’ stata posta agli inizi del secolo da Pirandello che derivava da Bergson il concetto di identità-maschera. Pirandello via Bergson ammoniva il lettore di non avere fiducia nelle metafore e delle etichette assegnante al ruolo sessuale stereotipato dalla società, e mostrava come i prerequisiti che giustificano la fagocitante macchina istituzionale fossero insiti negli apparati di (...)
0 commenti

nel tempo in cui ci muoviamo

Articolo postato domenica 7 agosto 2005
da Tiziano Fratus
Innanzitutto auguro a tutti coloro che partecipano e parteciperanno all’intessitura di questo blog voluto da Lello di riuscire a dialogare, di evitare di limitarsi (come spesso avviene) a spergiurare, lamentarsi e opprimere con bassezze di ogni genere. Cosa sia la poesia devo dire che dopo tre libri, alcune traduzioni e due videopoemi ancora non lo so dire. E’, per me, più un’esperienza dei sensi, materica, fisica, corporale, sì artiginale, piuttosto che una grande filosofia a cui aderire (...)
0 commenti
Articolo postato venerdì 5 agosto 2005
da Lello Voce
Chi va dicendo che la poesia è morta dovrebbe leggere Groppi d’amore nella scuraglia di Tiziano Scarpa, uno dei testi più intriganti che mi sia capitato di incontrare negli ultimi anni, capace di immaginare un mondo e una lingua stupefacenti. Racconto (ed è infine prima di tutto in versi che hanno raccontato gli uomini) e insieme bestiario, sperimentazione linguistica e filologia dell’archetipo, la Scuraglia narra, in una lingua inventata che allude ai timbri dei vernacoli meridionali, (...)
0 commenti
Articoli precedenti:
... | < 219 | 220 | 221 | 222 | 223 | 224 | 225 | 226 | 227 | 228