Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

 
 
Home page > e-Zine

(LietoColle 2011)

Articolo postato sabato 10 novembre 2012
da Renata Morresi
(Lavoro sobrio e pur immaginifico, dal dettato pulito, asciutto, ma ancora caldo di scoperte e contatto, e dei gesti di una generazione sopraffatta da un ossessivo rumore di fondo - di infiniti solo i cantieri - che tenta un altrove pieno di tiepida grazia. Fuga sì, quindi, ma negli interstizi, attraverso gli scorci della visionarietà orfica o sulle frequenze del basso, quasi inudibile, ultrasuono quotidiano. Antro e signora, voragine e superficie, sia simbolo che scena della poesia di (...)
1 commenti

(per bandoneòn, violoncello ed elettronica)

Articolo postato sabato 20 ottobre 2012
da Lello Voce
Giocare con le parole è giocare con la propria vita. Oltre e inoltre anche un po’ più in là senza confini senza destini pelle a pelle paura a paura rinuncia a rinuncia per mano come fossimo astri bambini pianeti crocifissi all’infanzia vaghi come sorrisi maghi come sfatati sino all’orlo della delusione a due palmi dal cuore di lepre d’ogni rivoluzione prima molto prima d’ogni scommessa d’ogni passo e contrappasso d’ogni nodo doppio fatto a cappio a valle delle stelle prima che la mano (...)
4 commenti

inpensiero, 6, 2012

Articolo postato domenica 30 settembre 2012
da Lello Voce
a Haroldo De Campos a Augusto De Campos a Horacio Ferrer #1 Occorre innanzitutto precisare quella che è una mia convinzione profonda e cioè che la poesia sia un’arte implicitamente politica, indipendentemente dai temi che essa decide di trattare, ma precisamente per la sua forma, e, ancor più precisamente per le forme della sua ricezione. Il rapporto tra artista e fruitore caratterizza in modo radicale le arti e le loro forme e ciò vale, a maggior ragione, per un’arte che, come ha (...)
0 commenti

testi + mp3

Articolo postato venerdì 14 settembre 2012
da Marco Simonelli
Quando un amico mi chiede un consiglio su quale libro di poesie leggere, ultimamente dico “Cerca qualcosa di Andrea Longega”. Queste poche righe vorrei che fossero lette nello stesso spirito, quello di un passaparola da amico ad amico. Perché quando consigli un libro a qualcuno è come se ti prendessi cura di lui in un modo speciale, è come se volessi dargli quel pezzetto del tuo mondo che credi sia uno dei pezzetti migliori, sì da avvolgerlo come in un abbraccio. Ecco le poesie di “Finìo de (...)
1 commenti

@P.A.Z. Poetry Autonome Zone - Satisfiction.me

Articolo postato lunedì 10 settembre 2012
da Lello Voce
Che a criticare lo spoken word siano i poeti di derivazione simbolista, orfica, o crepuscolare c’è ovviamente poco da stupirsi. Anzi, da questo punto di vista, va loro riconosciuta la stessa coerenza che poi, platealmente, perdono quando, tenuti al guinzaglio dal proprio Narciso, salgono sul palco a pronunciare i loro versi. In un bellissimo saggio dedicato all’oralità in poesia, ormai di qualche decennio fa, all’inizio di quella che chiamerei la stagione dei festival, Franco Fortini, (...)
8 commenti
Articoli precedenti:
< 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |> |...