Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > Qualche questioncella lessicale (e latamente manzoniana) sul caso (...)

Qualche questioncella lessicale (e latamente manzoniana) sul caso Battisti/libri al rogo

di Lello Voce

Articolo postato giovedì 20 gennaio 2011

Dell’oscuro potere delle parole sui destini umani, della spesso insospettata forza in esse insita fece le spese, com’è noto, il povero Renzo Tramaglino, ingenuo setaiolo di campagna, travolto a Milano dalla jacquérie e dalla peste…

Nel Trentraquattresimo capitolo dei Promessi sposi, mentre bussa inutilmente all’uscio di Don Ferrante, alla ricerca di Lucia, il suo gesto viene equivocato, le donne iniziano ad urlare “dagli all’untore, dagli all’untore!’. Renzo fugge ed è costretto a fuggire da ‘untore’, saltando sul carro dei monatti, che lo accolgono, sì, ma convinti anch’essi che sia, per l’appunto, un untore…
Paradosso del tutto: è solo grazie all’equivoco che si salva, il buon Renzo. Nella medesima parola sta dunque la sua condanna e la sua salvezza.
Un incubo: una notte in cui tutte le vacche sono nere….

Anche in questa faccenda, triste, desolante, dei tentativi di censura dei libri di tanti autori italiani colpevoli solo di aver firmato un appello per Cesare Battisti, nel 2004, l’oscuro potere delle parole si esplica con chiarezza.
Così le cose diventano diverse da quelle che sono, un setaiolo ingenuo e ignorante, alla ricerca della sua perduta promessa sposa, diventa l’agente virale e cosciente di un’enorme pestilenza, anche se non lo è affatto…
Un gruppo di scrittori che chiede chiarezza e che si apra finalmente un dibattito serio, sereno, senza infingimenti, né buchi di memoria su quegli anni, si tramuta in un gruppo di pericolosi eversori, gente senza cuore, che ha il coraggio di insultare la memoria delle vittime...

Quali sono, nel nostro triste caso, queste parole?
Terrorista, innanzi tutto: basta che in una qualsiasi cronaca giornalistica la parola faccia capolino, perché essa inizi ad agire con il suo veleno, si può dire quel che si vuole, ma se Battisti è stato ed è un terrorista ha, comunque in ogni caso, su qualsiasi faccenda, torto. Sempre.
A questo sostantivo, si fanno seguire, di solito, una serie di apposizioni, per lo più dedicate a descrivere ed individuare noi che quel manifesto firmammo: si va da ‘difensori’ (ancora accettabile), a ‘fiancheggiatori’, o addirittura ‘complici’, in un tripudio di alternative paradigmatiche, che trova la sua acmé nella titolazione dell’elenco immediatamente pubblicato da Libero “Ecco chi sono gli amici di Battisti”.
Il prossimo passo sarà, probabilmente: i compagni di merende…
Naturalmente nessuno dei firmatari di quell’appello è stato, o è un terrorista, nessuno di quei firmatari, molti dei quali, come me, hanno gli anni necessari, in quel periodo ebbe complicità alcuna al proposito, né credo la abbia oggi: non ci sono membri delle BR, di Prima Linea, o dei PAC tra noi. Ma questo conta poco.
Come conta poco che, quando comoda, da terrorista il Battisti si tramuti, come per magia, in ‘criminale comune’. A Napoli lo chiamiamo il ‘gioco delle 3 carte. Un gioco a cui si perde sempre…
Il malefico magnetismo di quella parolina è eccezionalmente efficace, taglia le gambe a ogni discussione, annichila ogni capacità di giudizio autonomo.
Si ha torto e basta: non c’è una buona ragione per difendere un terrorista.
Nessuna.
E’ come per Caino.

Lo facevano spesso anche i nazisti, questo giochino con le parole, lo fecero a Bassano quando appesero ai cadaveri dei 31 partigiani impiccati agli alberi del viale principale il cartello ‘BANDITEN’.
Ora, sia chiaro, non c’è in me nessuna intenzione di paragonare la pochezza di ciò che accade a noi, a quanto accadde a quei combattenti per la libertà. Non è questo il caso, né è questa la statura, non la mia almeno.
Ma la forza delle parole, la loro ostinazione a piegare la realtà a una narrazione ‘divergente’ fa davvero impressione. Il lavoro, si sa, rende liberi… E via così…

Le parole sono quelle che ci narrano la realtà, che la fanno ‘praticamente’ reale, che ci fanno scegliere, giudicare. Ma le parole a volte sono maschere. Altre sono truffe.
E’ così che, su molti quotidiani, con uno scivolamento, impercepibile, ma netto, chi dà conto di ciò che sta accadendo qui, nel Triangolo del Nord Est, pur dovendo (e volendo, magari) dar conto di un episodio vergognoso, in cui una serie di politici illiberali ed arroganti pretendono di imporre liste di proscrizione alla cultura, alla scuola e all’arte, poi inevitabilmente finisce per discutere d’altro: del Terrorista… Anche a Sinistra, dove sospetto agisca un immotivato ed evidente senso di colpa, ed un motivatissimo calcolo di supposto interesse ‘politico’…: come si fa a convergere al centro, se si difende troppo esplicitamente, sia pur in nome di una delle libertà ‘naturali’, il diritto di parola, gente che pretende che anche per un terrorista valgano quei diritti di equità e giustizia che valgono per qualsiasi altro imputato?
Un terrorista non è qualcuno che ha commesso un reato: è il Male.
Ontologicamente.
Di conseguenza noi siamo: BANDITEN….

C’è poi un’altra espressione chiave: ‘cattivi maestri’.
Anch’essa ha una sua storia che tutti conoscerete, ma che qui in Veneto risuona in modo particolarmente intenso a causa di una triste mattina di un 7 di aprile. Il suo campo d’intensione semantica è tanto ampio da non indicare solo una ‘cosa’, una ‘situazione’, ma tutto un discorso. Un discorso che suona più o meno così: è vero la cultura è indispensabile, sacra, ma badate che ci sono casi in cui essa è letale, casi in cui è lecito perseguitarla, censurarla, annientarla.
In quest’ossimoro perfido, LorSignori, i Ferdydurke-boss di quest’Italia cocainomane, arrapata sino allo stremo, debosciata, menzognera, mafiosa, vigliacca, pedofila e furbissima, mettono tutto il loro veleno.
Aspettavo da qualche giorno che tirasse fuori il suo capino biforcuto da serpente, il maledetto ossimoro: ed eccolo che fa capolino nelle dichiarazioni odierne dell’Assessore Donazzan.
Ecco cosa siamo: cattivi maestri e cattive maestre… gente che tradisce il suo compito, che invece di suggerire valori sani, condivisibili, induce in errore l’animo dei giovani e degli ingenui. Dei vigliacchi… Poco meglio dei pedofili. Ma poco...
I cattivi maestri siamo noi, amici miei, colpevoli di voler difendere Caino, colpevoli di voler esprimere, in ogni caso, la nostra libera ed autonoma convinzione che avesse qualche ragione, il Maggior Nostro, quando, per giustificare il povero Renzo che si era ficcato in quell’affare intricato e inefficace del matrimonio a sorpresa, ci ricordava che chi commette il male non è responsabile solo del male che compie, ma anche del turbamento in cui induce l’anima dell’offeso’, come ho già avuto modo di notare altrove.

Così dello scandalo vero non si parla, non si discute di quanto e se un politico abbia il diritto di limitare la libertà dei cittadini, sottraendo loro dei libri, delle fette di sapere e di arte, in base al fatto che a scrivere questi libri, questi, romanzi, queste poesie e queste musiche sia un ‘cattivo maestro’, un ’amico di un terrorista’…
Tanto basta a farci sparire, a parer loro, almeno.
Achtung Juden! Achtung banditen! Ciò di cui hanno bisogno è paura. Si nutrono di PAURA…

La faccenda agisce a vari livelli, basti pensare alla querelle, che tanto imbarazzò certa Sinistra, a proposito dei ‘mercenari’ italiani in Irak, che mercenari erano, ma furono fatti passare per ben altro (diciamo: contractors), o al povero Baldoni, giornalista sì, ma freelance, insomma dilettante (anche se non lo era affatto, dilettante), uno che se l’era andata a cercare, in buona sostanza…
Taccio, per pudore dell’espressione Black Blok, il suo danno è troppo recente ed evidente per sottolinearlo ancora.
Per la stessa ragione la parola Magistrato è un passepartout… Tutti i Magistrati sono buoni, in quanto Magistrati.
Mi sbaglio, se dico che c’è da rabbrividire?

Forse la ragione vera per la quale non si vuole aprire una discussione pacata ed approfondita su quegli anni è proprio questa: perché si vogliono usare i fantasmi-parola di quegli tempi bui come parole-babau per il presente, come armi improprie per stroncare qualsiasi richiesta di libertà e di diritti, qualsiasi ipotesi di cambiamento che costringa LorSignori e i loro complici di casta (ché ormai all’odio di classe si sta sostituendo l’odio di casta, e non mi pare buona nuova…) a togliere il disturbo e a restituirci i nostri sogni, il nostro futuro e la nostra libertà.

E forse anche noi abbiamo fatto qualche errore lessematico.
Forse non era il caso di parlare di ‘libri al rogo’, troppo ottimismo, amici miei: peraltro, nessuno li brucerà e dunque nessun naso sentirà odore di carta bruciata.
Si penserà che è stata la solita bolla di sapone.
E invece no… Loro lo faranno davvero, o almeno ci proveranno.
Li faranno sparire: che è lo stesso, e molto peggio.

4 commenti a questo articolo

Qualche questioncella lessicale (e latamente manzoniana) sul caso Battisti/libri al rogo
2011-02-02 11:14:59|

un articolo che ti fa pensare.

online roueltte gratis - giochi di roulette gratis senza sacaricare


Qualche questioncella lessicale (e latamente manzoniana) sul caso Battisti/libri al rogo
2011-01-27 00:09:14|di nuvoleonline

Un disegno per #rogodilibri

baci,
c.


rogo di libri vs donne di carta
2011-01-26 10:01:26|

http://www.donnedicarta.org/
questa cosa bellissima che ci sono donne di carta
donne libro
che arriveranno il 12 febbraio in Veneto
perché lì i libri li bruciano
ma le donne no
non se li scordano


Epoca feroce
2011-01-24 11:17:03|di UtoFia

Trovo le tue questioncelle tra le più necessarie di questi tempi feroci, e di ferocia e dolcezza si discute anche qui http://fiammalolliquantestorie.word...
Avrà da essere una dolcezza ben solida e condivisa per fermare davvero il passo al delirio.


Commenta questo articolo


Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)